lunedì, 17 Giugno, 2019

“Le memorie di Sarah Bernhardt” al teatro Pegaso di Ostia

0

“Un successo inaspettato”, asserisce Antonia Di Francesco “uno spettacolo che colpisce nel profondo, ma con delicatezza”. “Un piccolo gioiello – continua Alessandro Moser – siamo molto emozionati nel raccontare questa storia”.

Luca Pizzurro immerge i due protagonisti in un ambiente completamente bianco “come un velo che avvolge e copre le cose per proteggerle, nasconderle, preservarle dall’incedere degli anni, dal deperimento… dalla fine”.
In un portico anni ’20 completamente bianco e romantico, ritroveremo l’anziana Sarah Bernhardt (Antonia Di Francesco) che riposa su una poltrona di bambù e l’elegante segretario Pitou (Alessandro Moser) che si preoccupa per lei, rimasta troppo al sole che possa dimenticare le sue terapie e medicine.

La grande diva chiede in continuazione a Pitou di interpretare personaggi della sua intensa vita da attrice: la madre che la mortificava, il marito tossicodipendente, il produttore americano che la pressava e il macchinista che per negligenza la fece infortunare e perdere la gamba; così da poterci interagire come stesse vivendo di nuovo il momento passato e sviluppare il racconto delle sue memorie.

“Una storia senza tempo, – definita da Luca Pizzurro – che ha incantato il pubblico di tutto il mondo con la sua straordinaria bravura e la sua stravaganza, raccontandosi nei momenti più salienti della sua vita, attraverso la scrittura dei suoi memoires”.

Pitou e Sarah sono i due opposti che si attraggono, due meravigliose creature che attraverso l’espediente della scrittura, si incontrano e si scontrano sul grande teatro della memoria, donando al pubblico una tagliente, ironica e folgorante rappresentazione della vita.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply