venerdì, 22 Gennaio, 2021

Trump e la guerra dei pulsanti. Ma riparte il dialogo

2

coree

La retorica bellica tra Washington e Pyongyang non si ferma, ma dalle due Coree arrivano nuovi segnali di distensione e di dialogo. Il ministero sudcoreano per l’Unificazione ha confermato una conversazione telefonica con un funzionario del Nord: un contatto, il primo in quasi due anni, avvenuto tramite un canale di comunicazione transfrontaliero, che, come annunciato poco prima, è stato riattivato alle 7:30 ora italiana da Pyongyang, che lo aveva tagliato nel 2016, troncando così l’unica via di comunicazione con il Sud.

Un nuovo sviluppo positivo dopo la proposta della Corea del Sud di trattare la possibile partecipazione degli atleti nordcoreani alle Olimpiadi invernali di febbraio, in un incontro ad “alto livello”, da tenersi il 9 gennaio nel villaggio di confine di Panmunjom. Il regime non ha ancora ufficializzato la sua partecipazione ai colloqui del 9 gennaio, ma Seul ha definito “molto significativa” la risposta e ha spiegato che “ulteriori procedure” riguardo ai colloqui governativi inter-coreani “saranno discusse attraverso il canale di comunicazione” riaperto oggi.

In precedenza Donald Trump, affidando come al solito le sue parole a Twitter, aveva provveduto a scrivere un nuovo capitolo dell’escalation verbale tra Stati Uniti e Corea del Nord. “Ho anch’io un pulsante nucleare, ma è molto più grande e più potente del suo e il mio pulsante funziona”, ha scritto il presidente americano, rispondendo al discorso di Capodanno di Kim Jong-un, durante il quale il leader nordcoreano aveva dichiarato di avere il pulsante nucleare sulla propria scrivania. La Cina ha subito commentato l’esternazione dell’inquilino della Casa Bianca, senza citarlo. Il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang ha rinnovato l’appello a tutte le parti coinvolte nella crisi nordcoreana a “mantenere la moderazione” e di dire cose che “portino ad alleviare la situazione” di tensione nella penisola. “Tutte le parti coinvolte dovrebbero aggrapparsi a questo trend positivo nella penisola coreana e muoversi nella stessa direzione”, ha aggiunto elogiando gli sforzi di usare le Olimpiadi Invernali al via il 9 febbraio come un’opportunità per migliorare i legami.

La riapertura del canale di comunicazione era stata annunciata dal presidente del Comitato nord-coreano per la Riunificazione Pacifica delle due Coree, Ri Son Gwon, in un messaggio dai toni concilianti letto davanti alle telecamere della televisione di Stato con Pyongyang ha accolto con favore la “sincera e onesta” apertura di Seul. La distensione tra le due Coree è stata elogiata anche dal Comitato Internazionale Olimpico. Tutto sarebbe già pronto per l’accoglienza degli atleti del Nord, secondo quanto confermato oggi dal capo del Comitato Organizzatore dei Giochi, Lee Hee-beom. “Siamo preparati nel caso la Corea del Nord mandi non solo i suoi atleti, ma anche una quadra di incoraggiamento e staff di supporto” agli atleti, ha detto.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply