venerdì, 20 Settembre, 2019

Un protocollo per l’ambiente firmato dai grandi della moda

0

La moda fa squadra per l’ambiente. Nei giorni scorsi, infatti, 32 grandi marchi internazionali della moda e del tessile hanno firmato il Fashion Pact, una carta che stabilisce una serie di obiettivi condivisi in termini di sostenibilità, che è stata poi presentata in chiusura del vertice del G7 a Biarritz. Gli scopi cui ambisce il patto sono fondamentalmente tre: arrestare il riscaldamento globale, azzerando le emissioni di gas serra entro il 2050, al fine di mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1.5 gradi tra adesso e il 2100; ripristinare la biodiversità per ristabilire gli ecosistemi naturali e proteggere le specie; proteggere gli oceani, riducendo l’impatto negativo del settore della moda sugli oceani stessi, mediante iniziative concrete, quali la riduzione graduale della plastica monouso. Tra i firmatari, grossi marchi come Adidas, Burberry, Chanel, Gap, H&M, Inditex e Kering. Diversi anche gli italiani presenti: Ermenegildo Zegna, Giorgio Armani, Prada e Salvatore Ferragamo. A Biarritz erano presenti, oltre al presidente francese Emmanuel Macron, anche i firmatari del Fashion Pact. Nei mesi scorsi era stato proprio Macron ad affidare a François-Henri Pinault (nella foto), presidente e CEO del colosso Kering, il compito di coinvolgere i brand più importanti nel settore fashion e tessile con la finalità di definire obiettivi concreti per ridurre l’impatto ambientale provocato dal comparto.

Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply