domenica, 20 Settembre, 2020

Vespa e l’Avantionline

2

Che ormai l’Avantionline, unico quotidiano socialista, sia uscito dall’anonimato é indubbio. Le recenti interviste alla Bonino e a Giuliano Amato, gli interventi di Rino Formica e Giorgio Benvenuto, certo hanno contribuito a creare qualche fessura al muro di silenzio che da anni circonda ogni azione e pubblicazione socialista. Questo é ancor più dimostrato dalla ripresa dell’Avantionline nel recente libro di Bruno Vespa a proposito della nascita del fascismo. Nel ringraziarlo non possiamo esimerci dal ricordare la citazione. A pagina 72 del suo libro “Perché l’Italia diventò fascista e perché il fascismo non può tornare”, edito nel dicembre del 2019, Vespa cita il lavoro del nostro storico Carlo Felici, pubblicato a puntate: “Carlo Felici”, scrive il Bruno nazionale, “ha fatto, per parte socialista sull’Avantionline, un’appassionata ricostruzione di quel che avvenne tra la fine del primo conflitto mondiale e la guerra civile del biennio rosso. Riferisce di spedizioni punitive degli agrari che indicavano ai mazzieri fascisti le case dei capilega da prelevare, torturare e perfino uccidere davanti ai figli”. E devo solo aggiungere che Carlo non ha mancato anche di riferire le violenze del fronte opposto con quell’amore per la verità che deve essere costante in un ricercatore di valore. Adesso Carlo Felici sta scrivendo una storia su Fiume che forse nessun altro direttore socialista avrebbe condiviso, esaltando la figura di Alceste De Ambris, all’epoca fedele dannunziano e poi fervente antifascista. Ma il direttore attuale ama molto tutte le eresie e non riesce a disprezzare una ricerca che non getti a mare il fenomeno dannunziano. Verrà sostituito? D’altronde un Avanti in più, un Avanti in meno…

Condividi.

Riguardo l'Autore

Mauro Del Bue

2 commenti

  1. Avatar
    Carlo Felici on

    Grazie anche da parte mia a Bruno Vespa le cui qualità professionali sono indiscusse da più di mezzo secolo, e al Direttore dell’unico giornale di un partito che ha ancora il coraggio di chiamarsi Socialista senza altro aggettivo o sostantivo che non sia appunto: “partito” Avere una sola rappresentanza parlamentare forse è poco, ma essere ancora in Parlamento dopo quasi 130 anni, non è poco, ma è tantissimo. E lo è soprattutto starci tuttora avendo il coraggio di affrontare una così lunga e gloriosa storia senza avere paura delle sue ombre più cupe, e non solo per magnificarne le straordinarie luci.
    Hic manebimus optime, Director, hasta la victoria, siempre!
    Carlo Felici

  2. Avatar
    Paolo Bolognesi on

    A me sembra che le “ricostruzioni” – anche quando sono un po’ “eretiche”, tanto da non risultare gradite alla “storiografia” politicamente corretta – diano modo di farci opportunamente conoscere altre facce o versioni degli avvenimenti, rispetto a quelle cui ci hanno abituati, e dalle quali non è mai facile discostarsi, pena il venir ripresi e “bacchettati”.

    Sappiamo infatti che le vicende storiche sono talora ben più articolate e complesse di quanto ci vuol far credere una loro lettura “monocorde”, e sostanzialmente a senso unico, e del resto un bell’esempio in proposito pare fornirlo l’articolo di questo giornale dal titolo “L’altra faccia della ‘Repubblica’. Pertini: Mussolini e il Re erano d’accordo sull’arresto” (una interpretazione dei fatti di allora rimasta sinora piuttosto sconosciuta).

    Paolo B. 09.06.2020

Leave A Reply