domenica, 26 Maggio, 2019

Villa Mafalda e il lungo sodalizio tra chirurgia e innovazione

0

La chirurgia italiana attraversa un periodo molto interessante, costellato di novità capaci di fornire a pazienti e dottori gli strumenti per affrontare con sicurezza e sempre più rapidamente diversi tipi di intervento. Dalle Start Up che nascono sul territorio nazionale, alla capacità dei chirurghi di effettuare interventi complessi sfruttando le potenzialità di strumenti innovativi, gli spunti che indicano un trend positivo per la nostra sanità sono diversi. A notarli prima di tutti sono spesso e volentieri le cliniche private e pubbliche, attive in prima persona per proporre ai propri pazienti trattamenti di buon livello. Per questo motivo vale la pena di riportare le recensioni espresse dalla clinica Villa Mafalda di Roma, centro polispecialistico che ospita un avanzato reparto di chirurgia. Le opinioni degli specialisti, riportate sul blog ufficiale di Villa Mafalda, aiutano a fare luce sugli sviluppi che la chirurgia ha conosciuto, e sui vantaggi per i pazienti e i dottori.

Villa Mafalda recensioni sulla chirurgia laparoscopica

Esempio di successo di una tecnica chirurgica innovativa che ha saputo diffondersi grazie alla combinazione di velocità, bassa invasività ed efficacia, è certamente quello della laparoscopia. Quella che all’inizio del XX secolo le recensioni presentavano come una pratica innovativa ma adatta solo a determinati interventi di natura diagnostica, ha nel corso del secolo rivoluzionato il mondo della chirurgia. La svolta avvenne con l’utilizzo, nel 1987, di strumenti di laparoscopia per un intervento ginecologico da parte della oggi celebre dottoressa francese Mouret. Il successo dell’operazione sancì il battesimo vero e proprio della laparoscopia come tecnica chirurgica alternativa alle operazioni tradizionali. Oggi la clinica romana Villa Mafalda conferma i vantaggi di questo particolare tipo di endoscopia:

  • Bassa invasività: L’utilizzo delle pinze e delle forbici per laparoscopia permette allo specialista di operare attraverso una piccola breccia praticata sull’addome.
  • Tempi ridotti: L’intervento di video-laparo-chirugia richiede di per sé meno tempo rispetto alla tradizionale chirurgia aperta. Inoltre, anche i tempi di recupero da parte del paziente sono ridotti, e gli permettono di ristabilirsi con facilità, riducendo anche le possibilità di complicazioni post-intervento.

Lo sviluppo tecnologico e la capacità dei chirurghi hanno così trasformato una semplice tecnica diagnostica in una pratica operatoria diffusa e molto popolare per affrontare patologie e problematiche di diverso tipo.

Le frontiere della chirurgia: fotonica e laser nelle opinioni di Villa Mafalda

Oggi le opinioni e le recensioni più ottimistiche guardano agli sviluppi della fotonica come al futuro della chirurgia. L’impiego sempre più massiccio ed efficace di laser in ambito medico non è naturalmente è una novità: lo confermano anche le recensioni sul blog di AktiVision, il reparto della clinica privata Villa Mafalda a Roma specializzato in oculistica. AktiVision ha spesso evidenziato la grande versatilità, ma soprattutto la precisione e l’efficacia, dei laser a femtosecondi e ad eccimeri, utili per incidere con grande precisione sui tessuti dell’occhio. Le potenzialità della fotonica non si fermano però alla sola oculistica: oggi si parla già di chirurgia focale, una modalità di operazione che permetterebbe allo specialista di ridurre il volume di una ghiandola danneggiata con un laser a bassissima invasività, utile in branche mediche come l’urologia. L’utilizzo di laser in sala operatoria è indice di uno sviluppo tecnologico continuo e sempre più votato alla qualità per il paziente e il dottore.

La ricerca costante e la capacità dei medici italiani di utilizzare al meglio gli strumenti che la tecnologia mette loro a disposizione rappresentano dunque un grande punto di forza per la nostra sanità. Un trend che fa sperare in una medicina più efficace, veloce e funzionale per i cittadini.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply