sabato, 7 Dicembre, 2019

“Voci periferiche”: inclusione sociale alla Magliana

0

Mercoledì 13 novembre, dalle ore 16, importante momento di aggregazione presso il CSA di Via Greve 63, nel quartiere romano della Magliana. “Voci periferiche” è il nome dell’evento, organizzato dalla band musicale “Mirko Valeri & I Via Greve” ; uno spettacolo vòlto a favorire l’aggregazione e l’inclusione sociale nelle periferie usando gli strumenti della musica e del teatro. Proprio il risultato di questa simbiosi ha dato vita al progetto “Voci Periferiche”, che sarà illustrato al pubblico appunto il 13 novembre: il primo spettacolo, in sostanza, che racconta la periferia attraverso le esperienze e le testimonianze dei cittadini, raccolte in un lungo percorso laboratoriale che si svolge all’interno del territorio, e non è ancora terminato.

“Franco Ferrarotti incontra Pier Paolo Pasolini”: così’ ci piace riassumere l’essenza di questo progetto, che nel concentrare l’attenzione sulle periferie romane riconcilia idealmente due studiosi delle borgate anni ’70 che, vivo Pasolini, duellarono spesso sulle pagine dei giornali, non sopportando, il secondo, l’ottica piu’ cattedratica ( pur suffragata sempre dalla ricerca sul campo) del primo, e, il primo, certe disinvolte approssimazioni culturali del secondo. Oggi, nella Roma del Duemila, dove non esistono quasi più le borgate classiche, la nuova realtà delle periferie impone di superare vecchi dualismi metodologici: tenendo presente anzitutto che esse non sono più solo aree di degrado, o comunque tagliate fuori dai grandi processi decisionali, economici e amministrativi urbani. Mentre, d’altra parte, aree non particolarmente periferiche, per un complesso di fattori (crisi dello sviluppo, incuria degli amministratori pubblici, connivenze tra operatori economici e criminalità,ecc…) a volte possono ridursi a periferie degradate (emblematico, sempre qui a Roma il caso di Ostia Ponente, coi noti episodi di criminalità).

Nel corso dell’evento, mercoledì 13, i “Mirko Valeri & I Via Greve” suoneranno in acustico alcuni brani del loro album “Troverò pace”: fatto di 12 pezzi dove la musica mescola abilmente rock e pop, sonorità tipicamente nostrane e suggestioni da Oltremanica e Oltreoceano. “Mirko Valeri & I Via Greve” è una band nata recentemente per iniziativa di un gruppo di giovani musicisti, guidati da Mirko Valeri, al secolo Mirko Visintin (che vanta collaborazioni con compositori e musicisti come Antonio Rizzi e Segio Panajua, e maestri come Randy Roberts, figlio del mitico Rocky, e Stefano Zanchetti): band che ha avviato un lavoro non solo musicale, ma sociale e culturale, vòlto – come dicevamo – alla riqualificazione delle periferie.
Il primo spettacolo “Voci periferiche” è partito ad aprile al teatro”San Paolo”, grazie all’intesa con l’XI Municipio di Roma: accanto al rapporto con gli enti locali, quelli di “Via Greve” hanno sviluppato il contatto con varie realtà storiche del quartiere Magliana, come anzitutto la cooperativa “Magliana 80”. Contatto sfociato, poi, nella creazione di un laboratorio di alfabetizzazione musicale con gli ospiti di “Magliana 80”, aperto al pubblico. Che si propone di sbloccare persone arrugginite per le esperienze di droga e di detenzione, riuscendo a a farle esprimere con la voce e con la chitarra, per avviare un percorso di rinascita; e, più in generale, di far familiarizzare il cittadino comune con la musica e il canto. Ad oggi i laboratori di musica sono partiti anche nel Circolo Culturale “Pietro Nenni”.

Il 13 novembre, insieme all’attore e regista Simone Villani, sarà presentato inoltre un breve estratto dal nuovo spettacolo teatrale “Voci Periferiche”( di cui questo del 13 novembre è un’ anteprima): che è in programma il 6 Dicembre alle ore 21.00, presso il Teatro “Porta Portese”.

Fabrizio Federici

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply