martedì, 29 Settembre, 2020

Vota No contro i fanatici della democrazia digitale

0

Per i 5Stelle non c’è nulla di nobile nel voler cancellare 345 parlamentari dalla Costituzione repubblicana, il loro è solo un’atto di populismo per esaltare la piazza affamata di finta giustizia; ricordiamolo, quando arrivarono in Parlamento promisero, in maniera un po’ rozza, che lo avrebbero aperto come una scatoletta di tonno, ricordate? Non è così che si prendono le decisioni in un Paese fondatore dell’Europa: MES, docet.

 

Ebbene, un’insieme di errori dei governi precedenti ha permesso alla protesta di conquistare il Palazzo, e un esercito di senatori e deputati eletti col metodo ‘gratta e vinci’ hanno varcato la soglia di Montecitorio e Palazzo Madama armati di apriscatole che, con il referendum del 20 e 21 di settembre, se vincerà il Si, apriranno solo una ferita difficilmente sanabile a breve.
Infatti, con la sciagurata vittoria del Si, ci impiegheranno volutamente degli anni perché il taglio lineare dei parlamentari possa completarsi attraverso le indispensabili riforme successive. Esattamente tre anni; giusto il tempo perché gli oltre 330 onorevoli grillini – eletti col metodo gratta e vinci – finiscano il mandato.
Il taglio dei parlamentari aveva e ha solo questo scopo, altro che il bene degli italiani.
Con la vittoria del No finalmente ci sarebbe un effetto domino che, nonostante la determinazione dei pentastellati a rimanere ai vertici dello Stato, li ridimensionerebbe al ruolo rappresentativo che gli spetta: molto poco, in quanto se guardiamo ai risultati delle elezioni amministrative fino ad oggi sono praticamente inesistenti.

 

In ultimo, una domanda: è possibile che un gruppo politico che, con assoluta certezza, uscirà da questa tornata elettorale regionale con percentuali da “cinque virgola” se vincesse il Si possa condizionare il futuro del Paese? Votiamo No e mandiamoli a casa, perché sarà improbabile che tornino a governare grazie ad una nuova vincita alla lotteria promossa dalla piattaforma Rousseau.

 

Angelo Santoro

Condividi.

Riguardo l'Autore

Angelo Santoro

Leave A Reply