domenica, 28 Novembre, 2021

Alessandro Bertinazzo
Le linee guida dei socialisti

0

La dignità politica per me e per i socialisti del PSI ha ancora un valore e prima o poi sarà il mondo a reclamare più socialismo. Ne sono convinto.

Concludevo così un comunicato inviato alla stampa dopo il mancato voto di sostegno alla giunta di Merano proposta dal Sindaco eletto Paul Rösch a fine 2020.

Da qui riprendo per definire quella che è, dal mio punto di vista, la linea politica dei socialisti altoatesini.

Non rinneghiamo le origini della resistenza, del socialismo agricolo, del socialismo che istruiva gli analfabeti, del socialismo che fondava e apriva le camere del lavoro, del socialismo che promuoveva il sindacato dei lavoratori, del socialismo che non lascia indietro nessuno perché ci deve essere un po’ di bene per tutti.

Il mondo è cambiato, c’è stato e si punta ancora al progresso, le aspettative di vita sono cresciute, la scienza ha fatto passi da gigante grazie alla ricerca, il lavoro manuale è soccombente al lavoro robotico ma non può essere abolito bensì modernizzato, adeguato soprattutto ai fini della sicurezza sul posto di lavoro. Molte connessioni tra loro, ma sempre coordinate e sviluppate in sinergia con la politica, con il sindacato, con le persone. Le persone rimangono al centro di ogni decisione sia politica sia sindacale. Non c’è il padrone, c’è l’imprenditore, non c’è il servo, c’è il lavoratore che collabora con lo sviluppo dell’impresa.

Queste linee guida sono e devono rimanere le linee guida dei socialisti, del socialismo, anche in questa terra plurilingue. Si deve quindi aggiungere un azione interetnica alla politica socialista, di collaborazione con altre forze politiche progressiste e liberali, ambientaliste e democratiche, favorendo l’unione delle forze per non soccombere per il solo gusto di volersi distinguere e di voler far credere di essere i migliori. Le azioni forti possono portare ai successi, ma anche alle sconfitte. Siamo di sinistra, ma siamo moderati e dialoganti, modernizzatori e riformatori, sostenitori della redistribuzione della ricchezza affinché non vi siano eccessive differenze tra i vari ceti sociali.

Siamo ambientalisti e sosteniamo ogni azione che favorisca la riduzione dell’inquinamento atmosferico, salvaguarda l’ambiente e permette di governare lo sviluppo turistico senza eccedere nell’offerta di qualità a scapito dell’ambiente e della vivibilità delle persone.

 

Alessandro Bertinazzo
Segretario PSI dell’Alto Adige

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply