mercoledì, 1 Dicembre, 2021

Assegno unico: Cgil, Cisl, Uil, ora confronto su decreti attuativi

0

L’assegno unico per le famiglie “è una di quelle trasformazioni epocali su cui non ci si ripensa l’anno dopo”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo agli Stati generali della natalità. “Il Governo si sta impegnando su molti fronti per aiutare le coppie e le giovani donne. Al sostegno economico diretto delle famiglie con figli è dedicato l’assegno unico universale. Si può stare tranquilli per gli anni a venire, l’assegno unico ci sarà – ha aggiunto Draghi – dal luglio di quest’anno la misura entrerà in vigore per i lavoratori autonomi e i disoccupati, che oggi non hanno accesso agli assegni familiari”.

“Nel 2022, la estenderemo a tutti gli altri lavoratori, che nell’immediato vedranno un aumento degli assegni esistenti – ha sottolineato il Premier – le risorse complessivamente a bilancio ammontano ad oltre 21 miliardi di euro, di cui almeno sei aggiuntivi rispetto agli attuali strumenti di sostegno per le famiglie”.

“Siamo favorevoli all’introduzione dell’Assegno Unico – dichiarano in un comunicato unitario i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil Rossana Dettori, Andrea Cuccello e Domenico Proietti – anche per il principio di universalità sul quale si basa, e riteniamo che il calo demografico debba essere affrontato con una strategia integrata che preveda anche il potenziamento del sistema di servizi e misure volte a sostegno dei minori, della genitorialità e della conciliazione tra responsabilità familiari e attività lavorativa”.

“Nel confronto richiesto al Governo sulla definizione dei provvedimenti attuativi – proseguono i dirigenti sindacali – dovranno essere oggetto di attenta valutazione eventuali forme graduali di introduzione dell’Assegno Unico e Universale per l’anno in corso, che – sottolineano in conclusione – non debbono essere escludenti per alcune categorie di beneficiari e che debbono invece costituire una solida base sulla quale costruire la futura misura a regime”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply