lunedì, 27 Settembre, 2021

Barbaramente socialista

0

Art.3 secondo comma della Costituzione: “E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

 

Come socialisti, gradualmente, turatianamente, daremo attuazione a ciò. Quindi, ognuno secondo le sue capacità; a ognuno secondo i suoi bisogni!(Marx, ovvero cfr da Atti degli Apostoli 4,35)
Da cui un Mondo bellissimo, senza Covid19, senza gratta e vinci, ma solo gioia, amore, fratellanza sorellanza, e tutti i lavori pesanti delegati ai robots.
Liberi, uguali nelle differenze, quindi più otium inteso in senso romanistico, non passeggiate nei centri commerciali nei tedi domenicali, ma tempo libero per lo studio, la contemplazione, l’arte, etcetera.
Abbracci, sorrisi, senza catene del consumo.
Del produci consuma crepa.
Il superamento della dicotomia “socialismo o Barbar/ie”, in quanto proprio il socialismo è Barbara/mente per il superamento dei confini e delle nazioni, verso l’intuizione turatiana degli Stati Uniti d’Europa, quale fase prodromica di un Mondo Nuovo.
Continuo a crederci in un altro Mondo possibile.
Dalla lotta contro il Covid19 si possono cogliere spunti di inizio d’unità dell’umanità (solo con una vaccinazione mondiale possiamo destrutturare il virus subdolo Sars Covid 19, che come tutti i virus è prossimo alla vita, non è vivo, da solo non sa vivere, è antiumano come il nazismo).

 

La Storia non è finita nel 1989.

Nella Lega dei giusti il motto era tutti gli uomini sono fratelli.
Poi la mozione di Marx Engels, risultata vittoriosa, venne a sostituirlo con proletari di tutti i paesi unitevi.
Non so dire quale delle due sia migliore.
Forse quella originaria-tutti gli uomini sono fratelli-, a mio sommesso parere, quale sigillo del socialismo delle origini, umanitario, libertario, a cui andrebbe aggiunta-tutti gli uomini sono fratelli-sorelle.
Comunque anche nel nostro piccolo cerchiamo di migliorare il mondo…VACCINANDOCI.
Trasformiamolo pian piano.
Dal covid19 ne usciremo con la vaccinazione.
Si puo’ percepire il senso di trasformazione, non ricadendo piu’ negli orrori del passato, come socialisti possiamo trasformare la realtà.
Internazionale futura umanita’.
Oppure va bene lo stesso, in perfetta equipollenza, un’altra umanita’, versione Franco Fortini.
Oppure, programma minimo, una società più umana che non chiuda più i vecchi all’ospizio, lasciandoli morire di covid19, subdolo virus.
Il Mondo Nuovo post/pandemico può e deve essere un mondo solidale, socialista-liberale, internazionalista, disarmato, radicalmente democratico, con sparizione dello stato di eccezione.
Da questo Mondo stanco e malato, può trarre scaturigine una bellissima società senza confini, come vien descritta da Pietro Gori “Nostra Patria è il Mondo intero, nostra legge è la Libertà”, mentre il collega di studio, padre del socialismo, Filippo Turati scriveva l’Inno dei Lavoratori “su fratelli, su compagne, su venite in fitta schiera: sulla libera bandiera splende il sol dell’avvenir”.
Da una risata li seppellirà di Bakunin, al vaccino seppellirà il Covid19.

 

Alessio Andrej Caperna

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply