lunedì, 12 Aprile, 2021

Carpooling: la mobilità alternativa per non rinunciare ai viaggi

1

Anni fa c’era l’autostop, oggi c’è il carpooling, la condivisione dell’uso della stessa automobile. Un modo semplice per fare amicizia, avere compagnia e soprattutto – in questi tempi di crisi – risparmiare. La condivisione dell’auto consente infatti di dividere i costi del viaggio: in primis quelli del carburante (il cui prezzo cresce ogni giorno) e poi del pedaggio autostradale, riducendo così gli sprechi. Un’altra certezza, oltre al risparmio di denaro, è la riduzione dell’inquinamento grazie ad una minore emissione di CO2.

LA COMMUNITY BLABLACAR In Europa per questa estate ci sono oltre un milione di automobili disponibili e nel nostro Paese esiste una community “blablacar.it” – il primo sito italiano dedicato alla condivisione dell’auto – che dal 2006 mette in contatto viaggiatori con posti liberi e persone che cercano un passaggio. In questo modo ad esempio un viaggio Roma-Milano invece di costare 75 euro ne costerà 25. Per garantire la qualità del “matching” – ossia l’adattamento tra i conducenti e passeggeri – il sito consente di scegliere tra fumatori o non fumatori, animali accettati in macchina o meno nonché il grado di loquacità dei passeggeri, scegliendo tra “Bla”, “BlaBla” e “BlaBlaBla”: da qui il nome BlaBlaCar. Olivier Bremer, country manager BlaBlaCar Italia ha spiegato che: «Condividere l’auto è un modo di usare risorse già disponibili in modo più efficiente e intelligente. Se ci pensiamo non ha alcun senso spostare un’auto da due tonnellate per muovere una persona di ottanta chili. Sfruttare i posti liberi – ha poi aggiunto – è un metodo alla portata di tutti per ridurre questo divario e contribuire, inoltre, a ridurre il nostro impatto sull’ambiente. Con immediati benefici anche per le nostre tasche».

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

1 commento

Leave A Reply