Moda, Costume e Satira

Moda, Costume e Satira
Di

Patti Smith: la sacerdotessa del rock

Occhi spiritati. Volto stretto, e scavato che sparisce in una cascata di capelli grigi. Voce rauca, forte, sottile. Immancabile camicia bianca, abito nero da uomo di Costume National. Chi non la conosce potrebbe credere che lo sia, un uomo, se non fosse per quelle mani lunghe e delicate che le spuntano fuori dalle maniche larghe della giacca. Patti Smith si muove senza regole né convenzioni, con la stessa forza sciamanica che emanava negli anni Settanta, quando fece del punk rock una religione..

Moda, Costume e Satira
Di

Le avanguardie artistiche di Riccardo Tisci per Givenchy

Per continuare l’opera che fu di Hubert de Givenchy, Riccardo Tisci propone un’ Haute Couture spettacolare e ricercata, degna della stessa ammirazione che circonda le grandi opere d’arte.
Non a caso, il tentativo di sintesi che avviene tra moda e arte – due sistemi che dalla fine degli anni Ottanta sembrano procedere nella stessa direzione su percorsi paralleli, avvicinandosi e intersecando fra loro – è il punto cardine della collezione.

Moda, Costume e Satira
Di

Dior: il sogno spezzato

Per Oriana Fallaci, che nel febbraio 1957 lo intervistò in occasione dei dieci anni del marchio, «era simile a un impiegato di banca o a un professore di liceo». Per Gianfranco Ferrè, che fu direttore creativo della maison dal 1989 al 1997, «aveva l’aspetto di un diplomatico». Per Giuseppe Trevisani «era un artista che lavorava come un ingegnere diligente».

Moda, Costume e Satira
Di

Miracolo-Madonna al Super Bowl: la regina è tornata

Madonna si è presentata in maniera faraonica: vestita da Cleopatra, e scortata da uno stuolo di possenti centurioni. Una performance sfarzosa che, oltre a declassare ulteriormente i tanti cloni acerbi che ambiscono a rubarle lo scettro, appare come un omaggio smaccato all’amica Elizabeth Taylor. Miracolo. Intorno a lei si respira la solita aria di miracolo; di quel misticismo un po’ blasfemo, divenuto punto di forza, e giocato sulla scelta di chiamare sua figlia Lourdes, sul chiacchierato…

Moda, Costume e Satira
Di

La sfilata «ritorno alla purezza» di Valentino

La sfilata-ritorno alla purezza di Valentino, avrebbe conquistato anche Paul Poiret: il sarto parigino che, tra il primo e il secondo decennio del Novecento, ispirandosi alla fluidità degli abiti del Direttorio, liberò le donne dalla tortura del corsetto. Priva di orpelli e di sovrastrutture – come Marie Antoinette che ai fasti barocchi di Versailles preferisce la sensualità bucolica e sognante del Trianon – preziosissima nella sua semplicità, la collezione è un inno alla naturale perfezione…,

Moda, Costume e Satira
Di

Jean Paul Gaultier rende omaggio a Amy Winehouse

Fra le sfilate dell’Haute Couture parigina, ha piacevolmente stupito la scelta di Jean Paul Gaultier di dedicare la sua collezione a Amy Winehouse, definita dallo stilista «icona di stile assolutamente in sintonia con la mia filosofia eclettica e trasgressiva». Peccato che il padre della cantante non abbia gradito l’omaggio, accusando Gaultier, dalle pagine di un giornale inglese, di aver sfruttato l’immagine della figlia scomparsa a scopo di lucro. Un’imputazione insensata, se pensiamo che…

Moda, Costume e Satira
Di

L’Haute Couture di Valli: il ragazzo con la collana di perle

E’ osannato dalle compratrici internazionali e dalle ragazze abituate a fare tendenza. E’ stimato in Francia tanto da conquistare il riconoscimento della Fédération Française de la Couture, roba riservata a chi mantiene standard elevatissimi di unicità e artigianalità. Giambattista Valli, stilista romano, parigino d’adozione, è entrato ufficialmente nel calendario dell’Haute Couture, dopo un lungo percorso iniziato con un fortunato apprendistato alla scuola di Roberto Capucci prima, di Emanuel..

Moda, Costume e Satira
Di

Viaggio in prima classe da Chanel

Karl Lagerfeld, il direttore creativo di Chanel, è un uomo che ama sorprendere. Se la sua fosse davvero una linea aerea, gli esclusivi biglietti di prima classe offrirebbero, al privilegiato pubblico, traversate da favola. Vola alta, la couture Chanel; talmente alta che Lagerfeld trasforma la galleria del Grand Palais di Parigi, in un elegante aeroplano di prima classe affollato da modelle-hostess, steward alle prese con carrello e flute di champagne, poltroncine, display, oblò, e soffitto…

Moda, Costume e Satira
Di

La cyber diva di Versace

Alta moda: pezzi unici, destinati a una clientela esclusivamente milionaria, e a un mercato – quello del lusso – che, nonostante la crisi, è in forte ascesa. Alta moda: dopo Cristobal Balenciaga, Gabrielle Chanel, e Christian Dior, si può ancora inventare qualcosa? Per la forma, niente. Allora quale può essere la vera rivoluzione, oggi? Materia e tecnica. Ed è questa la formula di Donatella Versace che, assente da otto anni, ritorna a Parigi per inaugurare con la sua sfilata la settimana…

Moda, Costume e Satira
Di

Carine: l’irriverente ragazza dotata di stile

«Irreverent», edito da Rizzoli International, racconta la strepitosa carriera di Carine Roitfeld: ex direttore di Vogue Paris, defenestrata dalla Condè Nast per la scelta autonoma – e irriverente – di realizzare un servizio fotografico con bambine vestite e truccate come donne adulte, in pose ammiccanti e con abiti Versace, Yves Saint Laurent, e scarpe Louboutin.