giovedì, 23 Settembre, 2021

Ostia Antica Festival, colonne sonore, jazz, swing e classica

0

Dopo l’annullamento per maltempo dell’appuntamento del 16 luglio scorso, questa sera alle ore 21:15 l’Orchestra Sinfonica Città di Roma tornerà sul palco dell’Ostia Antica Festival con “Il grande cinema in concerto. Da Star Wars a Game of Thrones”.

Un concerto, guidato dal maestro Pier Giorgio Dionisi con orchestra, soprano, corpo di ballo e video art riuniti per uno show aumentato, in cui le arti si muovono insieme in un ambiente immersivo per rivivere in modo completamente nuovo le emozioni dei grandi film che hanno fatto la storia del cinema. Nel frattempo, è stata anche annunciata l’apertura delle prevendite per il concerto del 4 agosto prossimo dell’Orchestraccia, Info e prenotazioni: info@operainroma.com, tel 3515057608, www.operainroma.com.

Domani, martedì 27 luglio, in scena Greg e Max Paiella in “The Jazz Pack”. Erano gli anni Cinquanta e Sessanta, gli anni in cui impazzavano i crooners e a Las Vegas si poteva assistere allo show del Rat Pack, ovvero Dean Martin, Frank Sinatra e Sammy Davis Jr con l’orchestra di Count Basie diretta da Quincy Jones. Il Jazz Pack proporrà la stessa atmosfera rilassata ed elegante, vagamente snob, sicuramente autoironica e carica di swing grazie ai musicisti della Roman Swing Orchestra che tratteranno le musiche con divertita sapienza, mescolandole in cocktail sonori di ritmi e armonia. Insieme all’orchestra, Luigi Cecinelli, Greg, Clelia Liguori e Max Paiella che, rigorosamente in smoking (e abito da sera) affronteranno spavaldi il repertorio dei crooners, con gag e lazzi, ma anche con garbo e swing.

Venerdì 30 luglio sul palco dell’Ostia Antica salirà Antonio Giuliani in “Evergreen”. Il traghettatore della comicità Antonio Giuliani, presenta il suo nuovo spettacolo inedito e coinvolgente capace di raccontare il presente, rapportandolo con un passato che stiamo dimenticando. “Evergreen” è un chiaro omaggio ai grandi personaggi che con le loro scoperte e invenzioni hanno forgiato e reso grande l’Italia, accentuando la voglia che spinge ciascuno a seguire con coraggio la propria ambizione.

Sabato 31 luglio spazio a “va tutto bene”, il nuovo one man show targato Max Giusti. Un viaggio comico, un susseguirsi di monologhi e aneddoti vissuti che rimbalzano in un continuo ping pong fra ieri e oggi. L’alternarsi fra ciò che è stato e la vita frenetica e smart dei giorni nostri, paleserà quanto è cambiato il concetto di quotidianità basato sul lavoro, il tempo libero e i rapporti interpersonali. Tra un capitolo e l’altro non mancheranno ovviamente gli innumerevoli personaggi interpretati da Max e che tutti conosciamo.

Il primo agosto, Massimo Popolizio, voce magnetica e inconfondibile, tra gli attori più importanti del panorama nazionale, interpreta “La caduta di Troia”, tratta dal secondo libro dell’Eneide. Il tema è quello dell’inganno. L’immenso cavallo, dono dei Greci, viene trasportato nelle mura di Troia, ma si trasformerà per i troiani in una macchina di morte e distruzione. Alla corte di Didone, Enea narra, descrivendo con indicibile dolore, quella notte di violenza e di orrore. Le parole di Virgilio sembrano uno storyboard, una sorta di sceneggiatura ante litteram. Le musiche dello spettacolo sono state composte da Stefano Saletti, che le eseguirà dal vivo in compagnia di Barbara Eramo e del musicista iraniano Pejman Tadayon.

Mercoledì 4 agosto l’Orchestraccia, il gruppo di musica folk ispirato alla tradizione e cultura romana fondata nel 2011 da attori e musicisti con la comune idea di unire le loro esperienze reciproche alla ricerca di una forma innovativa di spettacolo, una forma che comprendesse musica e teatro ispirato alla grande eredità del folklore romanesco ma con uno sguardo attuale e contemporaneo. Nel suono della banda coesistono vari elementi musicali e sonori: dal dub al punk-rock e alla patchanka, dal folk rock americano a delicati momenti classici e pop.

L’Orchestraccia è composta da: Marco Conidi (cantautore/attore), Giorgio Caputo (attore), Luca Angeletti (attore), Guglielmo Poggi (attore), Salvatore Romano (chitarra), Angelo Capozzi (chitarra/ukulele), Gianfranco Mauto (pianoforte/fisarmonica), Alessandro Vece (violino), Angelo Olivieri (tromba), Claudio Mosconi (basso) e Fabrizio Fratepietro (batteria).

Il 5 agosto un grande ensemble salirà sul palcoscenico dell’area archeologica: l’unione di coro, pianoforti e percussioni per portare in scena Carmina Burana, l’opera monumentale e di grande suggestione di Carl Orff. Con la direzione artistica di Gilda Petronelli, e il cast artistico composto da Lucia Casagrande Raffi soprano e Francesca Romana Iorio mezzosoprano, Mirko Roverelli e Michele Reali al pianoforte, Tactus ensemble alle percussioni, Costanza Saccarelli voce narrante, i cori Novum Convivium Musicum, Monteverdi e Arké, tutti diretti dal maestro Giovanni Cernicchiaro.

“Pino Daniele Opera” è il titolo che rappresenta tutto il progetto musicale ideato e realizzato dal maestro Paolo Raffone, amico storico e arrangiatore di alcuni brani di Pino Daniele, e dal cantante interprete Michele Simonelli che andrà in scena domenica 8 agosto. Una “serata evento” dedicata a Pino Daniele e alle sue melodie indimenticabili eseguite da un ensemble da camera di 11 musicisti diretti dal Maestro Raffone e con special guest d’eccezione come Ernesto Vitolo, Rosario Jermano, Antonio Onorato, Roberto Giangrande e Donatella Brighel, sostenuti dalla voce solista di Michele Simonelli.

Redazione Avanti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply