mercoledì, 16 Giugno, 2021

Covid. Nencini, aprire impianti sportivi rispettando sicurezza

0

Nell’ultimo consiglio dei Ministri si è decisa la tempistica delle riaperture per tornare lentamente e senza correre a una normalità possibile.
Dal 1° giugno torna anche il pubblico negli impianti sportivi all’aperto per tutte le competizioni e gli eventi anche non di interesse nazionale. Gli stadi possono essere riempiti fino al 25 per cento della capienza massima consentita e comunque con il limite di 1000 persone sugli spalti.

Dal 19 maggio cambia il coprifuoco nelle zone gialle. Sarà ridotto di un’ora: il rientro a casa sarà quindi possibile fino alle 23. Dal 7 giugno verrà portato a mezzanotte. Dal 21 giugno sarà cancellato: non ci saranno più limiti orari agli spostamenti. Nelle zone bianche il coprifuoco viene invece abolito da subito. Dal 22 maggio cade il tabù del weekend nei centri commerciali. Il 24 maggio riaprono le palestra, in anticipo di 7 giorni rispetto a quanto previsto nel precedente decreto. Dal 1° giugno nuove regole per sale di bar, ristoranti e locali al chiuso

Per il via libera alla riapertura delle piscine al chiuso, dei centri natatori bisognerà aspettare il primo luglio. “In effetti – afferma il senatore socialista Riccardo Nencini, Presidente della commissione istruzione e cultura a Palazzo Madama – confermando la logica degli ingressi contingentati e applicando adeguati protocolli di protezione della salute, non si capisce perché le piscine non possano riaprire. Non si tratta di tornare alla normalità. Magari. Si tratta di riaprire impianti sportivi rispettando norme di sicurezza”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply