martedì, 15 Giugno, 2021

Cucchi l’appello conferma l’omicidio preterintenzionale

0

Confermato l’omicidio preterintenzionale e condanna aumentata di un anno per i carabinieri accusati del pestaggio che portò alla morte di Stefano Cucchi. Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro sono stati condannati a 13 anni di carcere. Lo hanno deciso di giudici della Corte d’Assise d’Appello di Roma. I due militari erano stati condannati in primo grado a 12 anni.

Lieve sconto di pena per il carabiniere Roberto Mandolini, passato dai 4 anni e mezzo in primo grado a 4 anni, confermata la condanna a due anni e sei mesi per Francesco Tedesco. Per entrambi l’accusa è di falso.

“Il mio pensiero va a Stefano e ai miei genitori che oggi non sono qui in aula. E’ il caro prezzo che hanno pagato in questi anni”, ha detto Ilaria Cucchi, che più di tutti si è battuta in questi anni per squarciare il velo di omertà sulla vicenda del fratello, morto il 22 ottobre 2009 nel reparto detenuti dell’ospedale Pertini a Roma.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply