martedì, 19 Ottobre, 2021

Desigual, ok dei lavoratori alla settimana corta

0

Se ne parlava da settimane, ma ora l’idea è diventata realtà. L’azienda di moda Desigual ha approvato a stragrande maggioranza la settimana lavorativa di 4 giorni. Un mese fa l’azienda catalana aveva lanciato la scommessa della ‘short week’, con l’intento di riconsiderare i ritmi lavorativi a favore di un maggiore equilibrio con la vita privata, in cambio di un taglio di stipendio meno che proporzionale. La palla è poi passata ai dipendenti del quartier generale di Barcellona, che pochi giorni fa hanno potuto votare l’introduzione del nuovo regime lavorativo.

 

Votazione in piena regola con percentuali massicce

 

Il responso è stato più che positivo: l’86% dei lavoratori interpellati ha dato il proprio sostegno a questo progetto, sintomo della rinnovata propensione a quel ‘work life balance’ riscoperto in questo anno e mezzo di pandemia. Un dato ancora più inequivocabile se si considera che c’è stata una partecipazione “bulgara” del 98% a quella che è stata una votazione in piena regola. Uno staff di portavoce composto da dieci dipendenti scelti dai colleghi era stato incaricato di gestire il processo, organizzare e contare i voti espressi attraverso le urne e sotto la supervisione di un notaio. Lo spoglio si è poi svolto in diretta in modo da garantire la massima trasparenza.

 

D’ora in poi 500 persone lavoreranno dal lunedì al giovedì

Il risultato è che circa 500 persone impegnate negli uffici centrali di Desigual lavoreranno dal lunedì al giovedì, quattro giorni di lavoro di cui tre in presenza e uno in smart working. Il nuovo sistema, spiegava Desigual, prevede una riduzione dello stipendio associata a quella delle ore lavorative pari al 13 per cento. Tuttavia, l’azienda proporrà ai suoi dipendenti che l’onere di questa riduzione sia condiviso al 50%, portando la contrazione del salario a carico del lavoratore al 6,5 per cento.

 

Continuare a essere competitivi ed efficienti modificando l’organizzazione del lavoro

 

“La nuova settimana lavorativa richiederà un processo di adattamento e uno sforzo da parte di tutti – ha commentato il CEO Alberto Ojinaga – ma se la pandemia ci ha mostrato qualcosa, è che possiamo organizzare il lavoro e le attrezzature in modo diverso e continuare a essere efficienti, dando priorità a ciò che è veramente importante. Allo stesso modo, questa iniziativa ci rende più attraenti come organizzazione e questo ci consentirà di trattenere e attrarre i migliori talenti. Siamo un’azienda vivace, grintosa, giovane e ottimista, in continua trasformazione e senza paura di proporre cose nuove, e progetti come quello che abbiamo approvato oggi insieme lo confermano. Ci farebbe molto piacere se la decisione che i dipendenti Desigual hanno preso oggi creasse un precedente e ispirasse altre aziende”.

 

Un’azienda particolarmente sensibile alle mutate esigenze dei suoi dipendenti

Una scelta che riflette la volontà dell’azienda di mostrarsi sensibile e ricettiva nei confronti di un dibattito che raccoglie sempre più consensi intorno al ripensamento dell’organizzazione del lavoro destinato ad avviarsi verso una sempre maggiore flessibilità e compatibilità con le esigenze personali dei dipendenti. L’iniziativa dell’azienda iberica si inserisce in un piano più globale di rinnovamento del modello di lavoro che interesserà, con diverse modalità, anche i dipendenti che non hanno beneficiato di questa iniziativa a causa della specificità delle loro posizioni (dalla logistica ai dipartimenti di sales & operations e al personale in negozio).

Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply