martedì, 7 Dicembre, 2021

DI LAVORO SI MUORE

0

Tre persone in poche ore hanno perso la vita in incidenti sul lavoro. Due lavoratori sono morti in Toscana: si tratta di un operaio 55enne che è rimasto schiacciato da due lastre di marmo in un laboratorio a Pietrasanta, in Versilia. In secondo incidente sul lavoro è morto un agricoltore di 73 anni, deceduto mentre potava un albero in un’azienda agricola nell’Aretino. La terza vittima, di 59 anni, lavorava in un cantiere della metropolitana di Napoli.

 

Pierpaolo Bombardieri (UI): Non è un fatto degno di un Paese civile

 

“Anche oggi, ancora stragi sul lavoro. Nell’indifferenza più totale, continuano a morire persone mentre sono impegnate nella loro quotidiana attività lavorativa: non è un fatto degno di un Paese civile”.

Così il segretario della UIL Pierpaolo Bombardieri che continua: “Ci stringiamo in doloroso silenzio al fianco dei familiari delle vittime, ma al tempo stesso chiediamo che si ponga fine a questa tragedia: il nostro obiettivo resta quello di ‘zero morti sul lavoro’. La salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro sono un’emergenza nazionale, ma noi stiamo ancora aspettando che ci sia la convocazione per un incontro con il Governo per affrontare la questione e mettere in campo tutto quanto necessario a invertire questa drammatica tendenza. Serve una cabina di regia per monitorare la situazione e per approntare strumenti e soluzioni in un’ottica di prevenzione, di controlli più serrati, di sanzioni più efficaci e secondo logiche di protezione civile”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply