lunedì, 18 Ottobre, 2021

Do you remember AstraZeneca?

0

La terza dose del vaccino contro il Covid ormai è alle porte per gli immunodepressi, entro l’anno per gli over 80, mentre dal febbraio 2022 per il personale sanitario. Tutto procede secondo un protocollo preordinato perché i Paesi che ci hanno preceduto nelle vaccinazioni come Gran Bretagna ed Israele hanno capito prima di noi che per combattere le varianti non possiamo fare altro che una terza dose…sembra che a Tel Aviv addirittura stiano ‘bucando’ le persone con la quarta! Ma di tutto questo non ci meravigliamo perché al di là delle parole degli ‘stregoni’ che colorate delle espressioni più variopinte ci fanno la danza del sapere da un anno e mezzo; le ragioni del perché il vaccino non sia stato reso obbligatorio sono note anche ai polli come me. Siamo ancora nella fase sperimentale e quindi fin quando non verrà trovato il ‘fesso’ a cui consegnare il cerino acceso delle responsabilità sarà impossibile solo parlarne. In questa confusione pressoché totale l’unica cosa che per il momento ancora tranquillizza è che la vaccinazione pare attenui il rischio di contagio, e soprattutto ad una larga parte della popolazione eviti il ricovero in ospedale con tutto ciò che ne consegue. Ora ciò che preoccupa maggiormente è che in questo labirinto di notizie non abbiamo traccia di AstraZeneca…do you remember AstraZeneca? Non poniamo la domanda in maniera pretestuosa, tantomeno abbiamo voglia di scherzare, ne parliamo solo perché alcuni milioni di italiani hanno ricevuto la prima e seconda dose del vaccino di Oxford e, per pietà (come diceva Fantozzi), vorrebbero sapere quale sarà la loro sorte vaccinale con la terza dose ed eventualmente anche la quarta, se prendiamo per buone le notizie che arrivano da Israele. L’uscita non è campata in aria; questo stravagante vaccino a basso costo ci è stato propagandato ed in un certo senso quasi imposto fino ad inizio estate, per poi scomparire subito dopo dal radar dell’informazione come lo producessero nei nebbiosi lidi ferraresi. La domanda del Club degli associati di Oxford è pertinente, in quanto avrebbero piacere di sapere per tempo cosa gli verrà somministrato prima di essere costretti a ‘bucarsi’! Questo per valutare con calma la situazione ed eventualmente avere il tempo di procurarsi il vaccino ‘do you remember AstraZeneca’. A qualche ora dall’ufficialità della terza dose i telefoni hanno iniziato a squillare ed è cominciata la caccia al vaccino inglese, chi lo trova per primo batta un colpo…è il motto! Intanto, piuttosto che ascoltare i virologi ‘nostrani’ della banda del buco, le trasmissioni televisive inizino ad invitare gli esperti del Regno Unito e pongano loro la domanda: continuerete ad inoculare il vostro vaccino o vi convertirete al divino RNA?

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply