venerdì, 16 Aprile, 2021

Formidabili ! Dieci donne, dieci paladine

0

Oggi, in occasione della festa delle donne, è uscito il libro “FORMIDABILI ! – Dieci donne, dieci paladine” di Francesca Ascione e Enzo Di Brango publicato da Bertoni Editore. Un libro dal titolo asciutto e molto efficace per ricordare le storie emblematiche di dieci donne coraggiose e non solo. Scritto a quattro mani, le storie si intrecciano con quattro significativi periodi storici che vanno dal risorgimento ai nostri giorni.
Le dieci donne indicate nell’indice sono a loro volta collegate ad altre eroine ed eroi che hanno fatto la storia del nostro Paese. Donne che hanno dato impulso all’emancipazione femminile prima ancora della nascita del movimento femminista.
Il libro di Ascione e Di Brango pone l’accento sul valore delle donne che hanno continuato a lottare anche dopo il riconoscimento della parità dei diritti avvenuto con la Costituzione della Repubblica italiana. Ma allo stesso tempo, come segnalato nella stessa introduzione, in ‘Formidabili’ non manca la sottile critica a quella cultura maschilista che ha sminuito ed emarginato il ruolo delle donne.
Significativo è l’esempio di Franca Viola, siciliana di Alcamo, che sfida i pregiudizi e le usanze locali ancora presenti nella Sicilia degli anni sessanta: una diffusa logica di sudditanza prevaricatrice delle libertà individuali delle donne. Diritti riconosciuti dalla Costituzione ma socialmente ignorati. Ma Franca Viola è anche l’esempio di donna che ha sfidato la mafia quando la Commissione parlamentare sull’antimafia faceva i primi passi.
Emerge dunque un ruolo attivo delle donne nel cambiamento sociale ma anche nel cambiamento della storia. La ricerca di personaggi meno noti, se non totalmente sconosciuti al grande pubblico e soprattutto alle giovani generazioni, come Peppa la cannoniera, Michelina Di Cesare, Tina Modotti, Colomba Antonietti, Anna Maria Mozzoni, Teresa Mattei, Alfonsina Strada, Irma Bandiera, Vittoria D’Andrea e la già citata Franca Viola non sono scelti a caso. Senza nulla togliere a tante altre donne più note come Angelina Merlin, Anna Kuliscioff, Angelica Balabanoff, Anita Garibaldi, etc…, la scelta fatta dagli autori è significativo per ricordare anche le innumerevoli donne che hanno partecipato attivamente in tante altre lotte popolari per la civiltà e l’emancipazione dei ceti più poveri passando anche dalla lotta partigiana. Le lotte dei contadini e degli operai, iniziati a fine ‘800 con la nascita del Partito socialista, gradualmente si sono concretizzati con l’approvazione della legge 300 nel 1970 più nota come Statuto dei lavoratori. In tutte queste lotte la presenza delle donne non può essere ignorata.
La piacevole lettura del libro è farcita da citazioni bibliografiche della letteratura collegata agli argomenti trattati. I personaggi vengono inquadrati nel contesto storico più generale per poi trovare luce propria negli approfondimenti sulla storia individuale, con gli avvenimenti più direttamente collegati agli stessi personaggi.
Sia pure brevemente, gli autori entrano nello spaccato sociale e nelle problematiche sociali in cui vissero i protagonisti facendo emergere anche il carattere forte ed eroico delle donne prese emblematicamente in considerazione. Il lettore non troverà l’epopea di un passato e la nostalgia di personaggi del passato, ma comprenderà l’esempio del messaggio di impegno etico e morale che arriva dalla storia ma che riguarda anche il presente ed è proiettato nel futuro. Un messaggio stimolante per le sfide ancora presenti nel futuro di quegli ideali incompiuti che riguardano il rispetto umano, la libertà e la giustizia sociale.
Nello spirito degli autori, il libro è destinato “alle giovani ed ai giovani millenials” che sono invitati a “camminare insieme, con rispetto reciproco, verso l’utopia possibile di una realizzata parità”.
Una parità che nasce anche da una complementarietà dove non c’è la superiorità di un sesso sull’altro ma il rispetto delle capacità individuali.
La celebrazione della ricorrenza per le donne è il ricordo di una tragedia umana che vorremmo non avvenisse mai più. Ricordare questo momento, nonostante i limiti posti dalla lotta alla pandemia, con l’uscita del libro ‘FORMIDABILI !’ è senza dubbio un sensibile omaggio alle donne di tutti i tempi, un invito a riflettere ed a perseverare in un impegno utopico che fa camminare l’umanità. Una lettura consigliata soprattutto ai giovani impegnati a costruire una società migliore dell’attuale.

 

Salvatore Rondello

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply