lunedì, 10 Maggio, 2021

Gli uomini chiedono vaccini Pfizer e pensano al Viagra

0

Ho fatto una rapida indagine e, tra il serio e il faceto, ho scoperto con sorpresa, vista la gravità pandemica, che inconsciamente, o quasi, la gran parte degli uomini vorrebbe vaccinarsi con Pfizer solo perché si illude che tra le pozioni magiche che compongono la ‘mistura miracolosa’ anti Covid ci sia una parte di Viagra. E, a domanda precisa, rispondono che non pensano ad una performance nelle ore successive alla inoculazione, ma bensì, sono convinti, che l’effetto possa avere la durata, ed efficacia, dello stesso vaccino!

 

Questo, per certi versi, spiegherebbe la grande richiesta della ‘stregoneria’ d’oltre Oceano da parte dei popoli benestanti i quali, non avendo altri pensieri, se non quello di godersi la pensione dopo aver lavorato solo pochi anni, come la gran parte dei dipendenti pubblici, oggi ultra settantenni, sono prenotati alla salvezza, e all’illusione, di averla scampata e fare pure sesso sfrenato! Ad altro pensano, invece, i Paesi più poveri che guardano alla pandemia come il minore del mali, visto che molti di loro muoiono per mancanza di medicine come ad esempio gli antibiotici. Quegli antibiotici che riempiono gli armadietti della maggior parte delle famiglie italiane: spesso buttati alla scadenza per non averli utilizzati, e nemmeno negli appositi contenitori posti all’esterno delle Farmacie. Mentre in alcuni Paesi africani i bambini muoiono ancora per una ‘fessa‘ polmonite, noi guardiamo distratti lo spot di Save the Children, che testimonia l’ingiustizia e la sofferenza dell’uomo.

 

Spot molto efficace, in tal senso! Ma torniamo al vaccino Pfizer, che i nostri recettori cerebrali codificano come la magica pillola blu, il Viagra: cosa che spinge la fantasia ad esercitarsi con battute da caserme che assolutamente fermiamo all’altezza delle corde vocali. Piuttosto, invece, ricordiamo con simpatia una pubblicità d’altri tempi; chi ricorda il curioso personaggio in bicicletta che girando per la città citava ‘grande parete, grande pennello’? Ecco, molti chiedono il vaccino Pfizer non tanto per prevenire il Coronavirus, ma per rinvigorire il pennello sognando grandi pareti da rinfrescare con una buona passata di vernice. Sembra, anche, che i nonni più arzilli, una volta vaccinati con la pozione miracolosa, vadano in piazza e, con un sorriso ammiccante, guardino gli altri ‘umarel’ e con espressione raggiante dicano: mi hanno iniettato il Pfizer! La gioia li emoziona a tal punto che ridono in maniera sguaiata, facendo suonare le loro dentiere come fossero nacchere a carnevale!

Condividi.

Riguardo l'Autore

Angelo Santoro

Leave A Reply