martedì, 13 Aprile, 2021

Guida Michelin Francia, prima stella a un ristorante vegano

0

La presentazione della guida Michelin Francia 2021 ha visto la promozione a ristorante tre stelle dell’Am di Alexandre Mazzia, chef di Marsiglia. Eppure il massimo riconoscimento assegnato dalla celebra guida rossa a questa insegna ha rischiato di essere oscurato dalla ‘prima volta’ di una stella assegnata a un ristorante vegano in Francia.
Si tratta di Ona, acronimo di Origine non animale, si trova ad Arès, vicino a Bordeaux, ed è stato avviato dalla chef Claire Vallée dopo un viaggio in Thailandia, dove la cuoca ex archeologa diventò vegana. In seguito, tornata in Francia, la Vallée ha deciso di aprire un’azienda agricola grazie a un crowdfunding e successivamente è arrivato il ristorante, oggi premiato dalla Michelin con il prestigioso macaron.
Si tratta di una trasformazione in un certo senso storica per la bibbia delle guide gastronomiche, al pari di quanto accadde 1996, quando Pietro Leemann conquistò la stella con il suo ristorante milanese Joia, primo locale vegetariano in Europa a entrare nell’olimpo degli stellati.
Oltre alla stella “rossa”, Ona ha conquistato anche quella verde per l’etica e la sostenibilità, novità introdotta dalla scorsa edizione per la guida in Francia e dall’edizione 2021 anche per quella italiana. “Continueremo su questa strada perché questa stella porta definitivamente una gastronomia a base di verdure nell’élite della cucina francese e mondiale”, ha commentato la chef dopo aver appreso la notizia.
Per la cronaca, l’edizione 2021 della Guida Michelin Francia ha visto l’assegnazione di 57 nuove stelle, di cui 54 a ristoranti che partivano da zero e hanno ottenuto la prima stella. Le altre tre sono quella assegnata al neo tristellato Am di Marsiglia e le due promozioni, da una a due stelle, di Hélène Darroze a Marsan (Parigi) e di Cédric Deckert a La Merise (in Alsazia).

 

Andrea Malavolti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply