lunedì, 10 Maggio, 2021

I killer della burocrazia finanziaria non hanno ritegno

0

Mentre combattiamo contro il Coronavirus, e cechiamo di salvare la pelle concedendo il minimo dell’attenzione alle altre cose, ci sono i killer della burocrazia bancaria e finanziaria che ci stanno preparando un’altra pandemia, forse peggio di quella che stiamo cercando di schivare in attesa di essere vaccinati, giorno dopo giorno. Il riferimento non è a quella crisi economica contro cui siamo abituati a combattere, e per certi versi conosciamo, almeno da un decennio, ma a quell’universo bancario d’Europa, e conseguentemente d’Italia, dove è entrato in vigore il regolamento che impone a tutti gli Istituti di Credito di definire i Cattivi Pagatori. I nomi di tutti i privati che rimarranno scoperti nei rispettivi conti correnti di 100€ (cento euro) e di 500€ (cinquecento euro) per le aziende, superati i 90 giorni, verranno lanciati come stelle impazzite nel mondo del web. Dunque, cerchiamo di capire. Al secondo anno di pandemia, che oltre a portarsi via milioni di vite umane, ha partecipato al fallimento di altrettante attività commerciali e industriali, senza parlare delle partire IVA, gettando sul lastrico tutti coloro che avevano partecipato alla ricostruzione del Paese, oggi getta nel fango le stesse vittime della potenziale ripresa e le marchia come cattivi pagatori. Pensate, solo se i primi vanno scoperti in banca di 100€, magari per pagare una visita medica, e i secondi, le imprese, di 500€ se solo hanno pagato la bolletta della luce per non spegnere i macchinari dell’officina, e garantire il pane a loro stessi e agli operai. Una categoria Novecentesca, gli operai, che in Europa pare si stia preparando ad entrare nel Museo delle Cere: altrimenti come faremmo a dipendere dall’Oriente anche per la carta igienica? Tutto questo dopo che ci hanno fatto infettare vendendoci mascherine protettive che non proteggevano, se non per un misero 10%! Dunque, mentre le nostre vite sono appese ad un filo, le banche ci preparano lo spettacolo da ‘vedere’ dopo che sarà calata la nebbia pandemica, ed in quel momento, brutalmente, ci verranno mostrate le conseguenze sociali, economiche e finanziarie del Virus. Lasciateci dire, un po’ quello che videro gli abitanti di Hiroshima e Nagasaki il giorno dopo l’esplosione dell’atomica! Tornando alla cruda attualità del Covi-19 le banche, non avendo un granché da fare, perdevano tempo ad inventare le ‘mine economiche antiuomo’. Tutto questo mentre il nostro governo tentava di curare le nostre ferite con i bonus, bonus di cui ci rifiutiamo di fare l’elenco, perché per il 90% sono stati una sequela di assurdità: decine di migliaia di miliardi di risorse che avremmo potuto, e dovuto, impegnare per rilanciare l’economia del Paese. Tutto ciò, indipendentemente dal Recovery Fund, che forse nemmeno arriverà, o comunque non in misura di quello che ci aspettiamo, perché i killer della burocrazia finanziaria non hanno ritegno!

Condividi.

Leave A Reply