domenica, 28 Novembre, 2021

Il bluff del grande centro. Prima i programmi poi i perimetri

0

L’illusione di costruire il “Centro” dello schieramento politico è uno dei peggiori frutti della mediocre Seconda Repubblica. Il primo teorico del centrismo fu Casini, che almeno partiva dall’alto di una solida esperienza Dorotea, vale a dire centrista per antonomasia. La scommessa della sua Unione di Centro fallì, come sono fallite tutte le successive imitazioni. Che recavano tutte un vizio d’origine: non nascevano da reali esigenze della società civile ma da convulsioni di palazzo.

Gli aspiranti leader centristi erano sempre, puntualmente, ex dirigenti delle due coalizioni, ormai marginalizzati. Adesso vuole riprovarci Renzi, già leader della sinistra e come tale arrivato fino a Palazzo Chigi. E che ora si riscopre centrista. Non stupisce che la proposta, destinata all’ennesimo fallimento, sia stata immediatamente rimandata al mittente dai principali interlocutori.

Calenda l’ha liquidata con un sintetico ma chiaro “non me ne frega niente”. Il presidente di +Europa Riccardo Magi ha giustamente osservato che il problema non è di centro geografico ma di contenuti.

Quanto a noi del PSI, premesso che l’impegno dei socialisti in tutto il mondo e’ quello di costruire una sinistra di governo, il Psi ha fatto bene in questi mesi a interessarsi poco allo sterile dibattito di palazzo sulla collocazione e a cercare di riorganizzare e rafforzare il partito e la nostra comunità, promuovendo iniziative concrete su temi reali e presentando le liste di partito in molte città italiane alle scorse amministrative.

Va aggiunta un’altra cosa: le alleanze si fanno sui programmi e le idee comuni. Il Psi in questi mesi con visione riformista ha sostenuto i referendum su eutanasia, sulla giustizia, tanti di noi hanno sostenuto quello sulla legalizzazione della cannabis. E ancora su temi ambientali crediamo nella crescita sostenibile che passi da energie alternative. Insomma il Psi propone idee e conduce battaglie che possano innovare una sinistra italiana talvolta conservatrice. Prima le idee e i programmi dopo i perimetri da definire.

 

Luigi Iorio
Coordinatore segreteria nazionale Psi

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply