domenica, 28 Novembre, 2021

“Il legno e la carne”, le avventure di Pinocchio versione street art

0

Resterà aperta sino a domenica 28 novembre “Il legno e la carne”, mostra dello street artist e illustratore Simone Miletta, in arte Mìles, dedicata alla fiaba di Pinocchio. La mostra – un evento fuori galleria che si terrà negli spazi dell’ARTiglieria – è realizzata in collaborazione con la casa editrice Contrabbandiera, ideatrice di una nuova collana dedicata all’arte urbana che vedrà i migliori artisti della scena fiorentina illustrare fiabe e altri classici. “Il legno e la carne” esporrà le oltre 75 opere realizzate per la fiaba di Collodi che, appunto, ha inaugurato la collana.

Il progetto, nato dall’incontro di Street Levels Gallery, la prima galleria fiorentina interamente dedicata all’arte urbana, Contrabbandiera Editrice e Mı̀les, rappresenta il punto di congiunzione tra tre realtà – una galleria d’arte urbana, uno street artist e una casa editrice indipendente – accomunate dalla volontà di dare una voce e un volto onesto all’arte cittadina, consegnandole anche uno spazio proprio, fisico e non.

La storia di Pinocchio è stata scelta perché, a distanza di più di un secolo dalla sua prima pubblicazione, risulta ancora estremamente attuale e le sue innumerevoli sfaccettature consentono di rivolgersi a una platea ampia e variegata.

Le opere di Mìles percorrono i momenti salienti della fiaba e ci mettono davanti alle avventure di un burattino i cui sentimenti non sono lontani da quelli di un uomo, di qualunque uomo. Pinocchio, infatti, si ritrova in un mondo che non sempre sta al ritmo del suo passo, in cui le dinamiche sociali sono complesse e si deve sempre stare attenti a quelli che vogliono ingannarti e ai prepotenti.

Quella di Collodi è una lettura magica, che qua e là si colora di tinte fosche per poi lasciare spazio alla luce, e che naturalmente esercita il suo richiamo su un artista che ha messo al centro della sua ricerca il rapporto tra l’uomo, il suo tempo e il suo istinto.

Sono temi cari all’artista, quelli narrati nelle pagine di Pinocchio, e Mìles li rappresenta procedendo per sole immagini, in un lungo piano-sequenza in cui coesistono l’uomo e l’animale, la ragione e l’istinto, la realtà e le apparenze, tutto racchiuso in un equilibrio in cui i confini di una cosa e di un’altra si fanno sempre meno definiti. L’allestimento della mostra è curato in modo tale da consentire allo spettatore di compiere un percorso che dia consequenzialità alle immagini e alla storia che narrano.

Parallelamente all’esposizione è previsto anche un evento digitale. Nel nuovo sito www.streetlevelsgallery.com, infatti, saranno disponibili le copie del libro edito da Contrabbandiera e ulteriore materiale artistico multimediale inerente la mostra, con la possibilità di acquistare i manufatti artistici presenti nella galleria digitale.

Simone Miletta, in arte Mìles, è uno scultore, pittore, street artist e illustratore. Nasce a Vibo Valentia nel 1979, frequenta l’Accademia di belle arti di Carrara, sezione scultura. Si trasferisce, poi, in Giappone, dove subisce l’influenza dell’immaginario e della cultura nipponica; nel 2011 rientra nella sua Calabria e attualmente vive e opera a Firenze, indagando le varie discipline delle arti visive.

Le sue opere pittoriche fanno da naturale eco alla sua identità di scultore: figure plastiche, volumi definiti, chiaroscuri decisi diventano il mezzo di una ricerca che ha come meta una dimensione altra, profonda, onirica e metafisica. Nelle opere di Mìles c’è il rapporto tra l’uomo e il suo tempo, perché nella contemporaneità si trova tutto: la poesia, il sogno, la narrazione e l’incubo.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply