mercoledì, 14 Aprile, 2021

“Il Sesto Continente”,
ancora pochi giorni per
visitare la maxi mostra

0

Sesto-continente-OrioDanza, arte ed ecologia si incontreranno in uno spettacolo di danza di alto livello che chiuderà i battenti de “Il Sesto Continente”, la mostra di Cracking Art (movimento artistico italiano che, attraverso installazioni colorate e spettacolari, conduce il pubblico a riflettere sui grandi temi della sostenibilità e dell’ambiente, ndr) ospitata all’Oriocenter – centro commerciale ad Orio al Serio in prossimità di Bergamo, entrata nel Guinness dei Primati, essendo stata “più grande esposizione di Cracking Art mai realizzata in un centro commerciale”. Domenica prossima, 26 ottobre, la piazzetta al primo piano del Centro Commerciale Oriocenter ospiterà la compagnia di danza ONE THOUSAND™ DANCE, riconosciuta fin da subito per i suoi ballerini di eccezionale talento e per l’estro del coreografo Luca Rapis, che vanta collaborazioni con Maurice Béjart e il Royal Ballet di Londra.

LO SPETTACOLO DI DANZA – Durante la performance, i ballerini interagiranno con gli animali della Cracking Art Group con l’obiettivo di lanciare un messaggio sull’importanza dell’armonia tra gli uomini e la natura. I danzatori rievocheranno le caratteristiche delle sette specie di animali esposte, e racconteranno il loro rapporto con l’uomo offrendo spunti di riflessione importanti, oltre al piacere di assistere a uno spettacolo di danza di alto livello.

cracking-artL’ESPOSIZIONE “IL SESTO CONTINENTE” – Inaugurata lo scorso giugno e visitabile fino a domenica, l’esposizione – dal forte impatto spettacolare – conta settemila sculture in plastica riciclata di grandi dimensioni che riproducono sette specie di animali (chiocciole, rane, suricati, lupi, rondini, pesci angelo e stelle marine). Una provocazione, condita di arte e cultura che ha lo scopo di sensibilizzare i media, l’opinione pubblica e soprattutto i giovani sul tema dell’ambiente (www.crackingart.it).

Redazione Avanti!

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply