martedì, 3 Agosto, 2021

Il ‘tifo’ non metta a repentaglio la nostra vita

0

Davvero, non capisco; non capisco perché al gioco del calcio sia permesso tutto, perfino di infettare mezzo mondo senza che nessuno prenda posizione ed educhi le società calcistiche, i dirigenti, i giocatori e non per ultimi i tifosi! Accidenti, per tutto il primo periodo pandemico, mi riferisco a quando le terapie intensive erano strapiene ed i morti si contavano a migliaia, nonostante le difficoltà ospedaliere e degli operatori sanitari, i dirigenti dei ‘Borgorosso Football Club’ tutti i Santi giorni chiedevano possibili deroghe al lockdown perché erano preoccupati per i giocatori: quasi volessero chiedere un Bonus anche per loro! Oggi, dopo i 91 ragazzi infettati durante la proiezione della partita Belgio-Italia in un pub a Roma, sarebbe opportuno che il Governo mettesse un argine e prendesse posizione contro questi comportamenti di cui, anche in conseguenza dei recenti campionati europei, in Inghilterra già vediamo le drammatiche conseguenze: oltre 50.000 nuovi contagiati al giorno. Se Boris Jonson rimette definitivamente le lancette dell’orologio al 2019, comportandosi come uno scriteriato, noi non dobbiamo imitarlo, lo dico perché quando si tratta di calcio sembriamo perdere tutti la testa. Per carità, l’entusiasmo ci sta, ma che il ‘tifo’ non metta a repentaglio la nostra vita!
Chiosa: a proposito di vita e di calcio, trovo singolare che mentre in Italia ed in Europa i partiti salgono sulle barricate per tutelare la parità di genere e l’orientamento sessuale, i prossimi campionati del mondo si giocheranno nel Qatar…dove è previsto che gli omosessuali vengano ancora lapidati!

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply