lunedì, 29 Novembre, 2021

Incidenti sul lavoro, Bombardieri: “Dalla Uil appello a Mattarella”

0

La strage dei morti sul posto di lavoro non conosce fine. Anche se i dati del primo semestre del 2021 raccolti dall’Inail evidenziano un calo rispetto al 2020. Però nella fascia compresa tra i 20 e i 29 anni, le vittime sono aumentate. Negli ultimi giorni un susseguirsi di eventi luttuosi. Un operaio è morto in un incidente in un cantiere dell’autostrada A15, a Parma. Il dramma si è consumato nella serata di ieri, mercoledì 4 agosto. La vittima aveva cinquantatré anni: residente in provincia di Reggio Emilia, era dipendente di una azienda del settore edile del Modenese. Secondo la prima ricostruzione della Polizia stradale, mentre faceva manutenzione l’uomo è stato travolto da una ruspa che andava in retromarcia e che lo ha schiacciato contro una macchina asfaltatrice.

Altre due vittime nei due giorni precedenti. Una sequenza che va da Roma a Modena. Qui a perdere la vita una donna di 40 anni. L’incidente sul lavoro è avvenuto in un’azienda che si trova in via Panaria a Camposanto. La vittima sarebbe rimasta incastrata in un macchinario. Sul posto sono immediatamente intervenuti i soccorsi ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Non ce l’ha fatta neanche l’uomo vittima di un incendio divampato nella sua officina. L’incidente mortale nel quartiere di Ottavia, a Roma. Le sue condizioni erano apparse subito gravissime per le ustioni sul corpo. Il 60enne è stato subito soccorso e portato all’ospedale San Filippo Neri, dove è morto.

“Ancora una volta, semmai ce ne fosse stato bisogno, si conferma l’eccezionale attenzione del Capo dello Stato alle questioni del mondo del lavoro”. Lo afferma in una nota il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri. “La sua premura nel preoccuparsi degli infortuni sul lavoro e il suo appello a mettere in campo tutto quanto necessario a sanare questa piaga umana e sociale sono di incoraggiamento a chi ha fatto di questa battaglia un prioritario impegno civile. La salvaguardia della vita delle persone e la dignità del lavoro sono valori assoluti. Per la Uil l’obiettivo irrinunciabile, già rappresentato personalmente anche allo stesso Presidente della Repubblica, resta quello di “zero morti sul lavoro”. Invitiamo, pertanto, tutte le Istituzioni competenti ad attivarsi affinché sia raggiunto questo risultato. Grazie di cuore al Presidente Mattarella per la sua sollecitudine e la sua sensibilità”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply