domenica, 28 Novembre, 2021

L. Bilancio: Sindacati: “Priorità redditi lavoratori e pensionati”

0

Il Consiglio dei ministri ha approvato lo scorso 20 ottobre il documento programmatico di bilancio (dpb) che disegna la cornice della manovra. Una manovra da 23 miliardi, l’1,2% di Pil. Otto miliardi subito per il taglio del cuneo fiscale (ma Ive e Fi ne chiedono 10). Addio a Quota 100, si passa a Quota 102 nel 2022 e Quota 104 nel 2023 per le pensioni (per una platea di 50mila persone in due anni). Un finanziamento aggiuntivo di un miliardo per il Reddito di cittadinanza. Sono le misure della Legge di Bilancio 2023 affrontate a Palazzo Chigi, dove il Cdm ha approvato il Documento programmatico che traccia l’architettura della manovra. L’approvazione della legge di bilancio 2022,  dovrebbe slittare alla prossima per gli impegni a Bruxelles del premier Mario Draghi

 

In un comuncato congiunto CGIL, CISL e UIL, hanno sottolineato come priorità la necessità di un incremento dei redditi dei lavoratori, dei pensionati e del contrasto all’evasione.  “Incrementare i redditi lordi e netti di lavoratori e pensionati – si legge nella nota dei sindacati – è un’esigenza non più rinviabile per rispondere anche al progressivo impoverimento di salari e pensioni. Tutte le risorse previste per le misure fiscali in legge di Bilancio dovranno essere finalizzate a questo obiettivo, privilegiando le fasce di reddito basse e medio-basse. C’è una esigenza di giustizia e di equità, che non può essere ignorata o sottovalutata”. È quanto affermano, in una nota, la vicesegretaria generale della Cgil, Gianna Fracassi e i segretari confederali di Cisl e Uil Giulio Romani e Domenico Proietti.

 

Inoltre, i tre dirigenti sindacali chiedono “misure, a partire dalla manovra, che consentano di rafforzare il contrasto all’evasione fiscale e la tracciabilità di flussi, redditi e patrimoni”. “In un Paese con 183 miliardi di economia sommersa, di cui almeno 100 miliardi di evasione, non ci si può permettere tentennamenti o ambiguità sugli obiettivi”, concludono Fracassi, Romani, Proietti.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply