lunedì, 6 Dicembre, 2021

La caduta di Zan

1

La mia posizione sul ddl Zan assomiglia a quella di Sansonetti. In linea di principio io sono favorevole a tutte le leggi di libertà. Sono stato favorevole a tutte le leggi patrocinate dai radicali e dai socialisti, sarei stato favorevole a una legge che avesse consentito agli omosessuali il diritto all’adozione, ho firmato con convinzione il referendum sull’eutanasia, e sono diventato amico di Beppino Englaro, discepolo come me di Loris Fortuna. Mi lascia perplesso una legge che prevede solo nuovi reati e nuove condanne, soprattutto, articolo 4 della legge, sulle libere espressioni. Il tutto offrendo su un piatto d’argento un potere discrezionale immenso alla magistratura italiana, sulla cui credibilità, almeno della sua parte più politicizzata, é lecito nutrire dubbi. Bastava una legge che equiparasse i reati di sesso al pari di quelli di razza e lasciar stare le lezioni sulla omotransfobia nelle scuole elementari dove invece bisognerebbe parlare di educazione sessuale. Mi hanno dato fastidio i clamori esultanti del centro-destra, ma il Pd, con la sua intransigenza, ha scavato la fossa da solo alla legge ignorando i pareri degli alleati e anche l’emendamento proposto da Nencini e sbattendo il muso contro il muro invalicabile dell’aritmetica.

Condividi.

Riguardo l'Autore

1 commento

  1. Paolo Bolognesi on

    Anche a me lascia perplesso una legge che prevede solo nuovi reati e nuove condanne, soprattutto sulle libere espressioni, come scrive il Direttore, e mi sono sempre domandato come un liberal-socialista potesse essere favorevole all’approvazione e introduzione di tale norma (alla pari di altre che limitino la libera manifestazione del proprio pensiero).

    Paolo B. 29.10.2021

Leave A Reply