mercoledì, 16 Giugno, 2021

La Festa della Mamma vista dalla Federazione Scrittori

0

Nella vita dei bambini, da sempre, una delle figure più importanti è la mamma insieme al papà. Per questo motivo, e per tanti altri ancora, non si festeggia solo il papà ma anche la meravigliosa donna che ci ha fatto nascere. Un fatto naturale da tenere sempre presente, poiché rende un principio di uguaglianza valido per tutti gli abitanti del mondo.
La Festa della Mamma non ha una data fissa annuale, ma si celebra la seconda domenica di maggio. Fino al 2000, la ricorrenza veniva festeggiata l’8 maggio. In seguito, le cose sono cambiate e si è deciso di spostarla alla seconda domenica di maggio. Quindi, quest’anno, la Festa della Mamma sarà il 9 maggio.
Le origini della Festa della Mamma, risalgono al 1908 quando avvenne la prima celebrazione. Nel 1914 fu ufficializzata negli Stati Uniti dal presidente Woodrow Wilson, su delibera del Congresso. La data dei festeggiamenti fu stabilita nella seconda domenica di maggio. Alla celebrazione della festa fu associato anche un fiore simbolo: il garofano rosso per le madri in vita e il garofano bianco per quelle che, invece, non c’erano più.
In Italia, le prime celebrazioni sono avvenute nel 1956 e nel 1958 fu istituzionalizzata da Raul Zaccari. Nel nostro paese si verificò anche qualcosa di particolare che, invece, negli altri paesi non accadde: Don Otello Migliosi, ad Assisi, iniziò anche la celebrazione di tipo religioso che esaltava più che il lato biologico, il ruolo legato alla religione.
Nella maggior parte dei Paesi la festa ha mantenuto la tradizione della seconda domenica di maggio, ma altri hanno fatto scelte diverse: in Francia viene celebrata l’ultima domenica di maggio la mamma e la famiglia, mentre in Norvegia la Festa della Mamma viene celebrata a febbraio e in Argentina si festeggia, invece, l’ultima domenica di ottobre.
Per celebrare nel migliore dei modi la Festa della Mamma occorre pensarci con un poco di anticipo, così da avere il tempo per fare qualcosa di speciale. Sebbene sia una ricorrenza che tendono a festeggiare soprattutto i bambini piccoli, non è detto che anche gli adulti non possano continuare questa bella tradizione. Infatti, una maggiore attenzione maggiore andrebbe rivolta alle mamme quando sono avanti con gli anni e più bisognose di cure e affetti. Nella vita, ogni occasione è sempre buona per trascorrere del tempo qualitativamente buono insieme alla propria famiglia.
La scelta di questa giornata di festa permette a tutti di viverla con amore fino in fondo, adulti e bambini.
In questo giorno speciale, nessun regalo però vale tanto quanto un lavoretto fatto in casa o una bella poesia recitata con tanto amore.
La Federazione Unitaria Italiana Scrittori ha invitato scrittori e poeti a scrivere un proprio testo, prosa o poesia, dedicato alla madre, quale valore universale, per partecipare alla manifestazione Mater – Festa della mamma, in collaborazione con l’UNESCO. La partecipazione prevede la pubblicazione del testo in una antologia stampata e nella Sua lettura alla videoconferenza che si terrà Domenica 9 Maggio.
L’invito è rivolto agli scrittori di tutto il mondo a cominciare dagli iscritti alla Fuis ed a Federintermedia. A tutti i partecipanti, la Fuis invierà in tempo utile, il link per la partecipazione all’evento.
Nel comunicato in italiano ed in inglese, firmato per la presidenza della FUIS dal Prof. Antonio Natale Rossi, si legge: “La Federazione Unitaria Italiana Scrittori da tempo ha avviato attività di unione tra gli scrittori, scrittrici, autori-autrici, attori-attrici, italiani e di tutto il mondo: la diversità di lingua, di religione, di stato siano forma di arricchimento sociale, artistico, letterario, culturale e non di divisione”.
Inoltre, si legge: “La FUIS richiama l’attenzione degli scrittori di tutto il mondo sul tema universale (altri ne seguiranno) della MATER per il 9 maggio 2021, giorno dichiarato “GIORNATA MONDIALE DELLA MADRE”, cioè, come è denominata in lingua di comunicazione, Mother’s day.
Nell’anno in cui ricorre il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, il lemma di orientamento può essere “Vergine madre, figlia del tuo figlio/umile e alta più che creatura…” (Divina Commedia, Paradiso, XXXIII , vv. 1-2)”.
Per ulteriori informazioni sull’iniziativa e sulle modalità di partecipazione, è possibile consultare il sito www.scrittoritaliani.it ed inviare i propri testi a mater@scrittoritaliani.it .

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply