lunedì, 21 Giugno, 2021

La lettera della Commissione Europea all’Italia sul DPB (documento programmatico di bilancio)

0

(in coda la traduzione)

JYRKI KATAINEN
VICE-PRESIDENT OF THE EUROPEAN COMMISSION
RUE DE LA LOI, 200 B-1 049
BRUSSELS TEL. (+32-2) 295.55.99
Brussels, 22 October 2014
Ares(2014) 350 Ļ0t$
STRICTLY CONFIDENTIAL
Dear Minister,
First and foremost, I would like to thank you for the submission of Italy’s Draft Budgetary Plan (DBP) for 2015, which we received on 15 October and complementary tables on 16 October. I am also grateful for the letter accompanying the DBP and which clearly makes the case that the budgetary strategy of Italy is to be considered within the overall agenda for structural reform.

Compared to the 2014 Stability Programme, Italy’s DBP postpones the achievement of the MTO to 2017 and slows down the reduction of the debt-to-GDP ratio in the coming years. As a result, the DBP plans to breach Italy’s requirements under the preventive arm of the Stability and Growth Pact (SGP).

According to our preliminary analysis – on the basis of the recalculation by the Commission services using the commonly agreed methodology – Italy plans a significant deviation from the required adjustment path towards its medium-term budgetary objective (MTO) in 2015 based on the planned change in the structural balance. Moreover, the planned change in the structural balance for 2015 would also fall short of the change required to ensure adherence to the transition debt rule, since this requirement is even more stringent than the required adjustment path towards the MTO. Against this background, further exchanges of information have already taken place between your services and the Commission.

In line with the provisions of Article 7(2) of Regulation (EU) No 473/2013 of 21 May 2013, I am writing to consult you on the reasons why Italy plans non-compliance with the SGP in 2015. I would also wish to know how Italy could ensure full compliance with its budgetary policy obligations under the SGP for 2015.

The Commission seeks to continue a constructive dialogue with Italy with the view to come to a final assessment. I would therefore welcome your view at your earliest convenience and if possible by 24 October. This would allow the Commission to take into account Italy’s views in the further procedure.

Yours sincerely,

Caro ministro, 

Prima di tutto e innanzitutto vorrei ringraziarla per aver presentato la bozza del piano di bilancio (Dbp) dell’Italia per il 2015, che abbiamo ricevuto il 15 ottobre, e le tavole complementari, da noi ricevute il 16 ottobre. Sono anche grato per la lettera che ha accompagnato il Dbp, che indica chiaramente come la strategia di bilancio dell’Italia vada considerata nell’ambito dell’agenda complessiva delle riforme strutturali.

Rispetto al Programma di Stabilità del 2014, il Dbp dell’Italia rinvia il raggiungimento degli obiettivi a medio termine (Mto) al 2017 e rallenta la riduzione del rapporto debito/Pil negli anni a venire. Di conseguenza, il Dbp prevede di violare i requisiti richiesti all’Italia nel meccanismo preventivo del Patto di stabilità e crescita (Sgp). Secondo le nostre analisi preliminari – basate sul ricalcolo compiuto dai servizi della Commissione con la metodologia comunemente concordata – nel 2015 l’Italia prevede una deviazione significativa dal percorso di aggiustamento richiesto per raggiungere i propri obiettivi di bilancio di medio termine, basata sul previsto cambiamento dell’equilibrio strutturale. Inoltre, il previsto cambiamento dell’equilibrio strutturale per il 2015 sarebbe inferiore al cambiamento necessario a garantire l’aderenza alla regole transitorie sul debito, poiché tale requisito è addirittura più stringente del percorso di aggiustamento richiesto per raggiungere gli obiettivi di medio termine. In considerazione di ciò, tra i vostri servizi e la Commissione sono già intercorsi ulteriori scambi di informazioni.

In linea con le regole dell’Articolo 7(2) del Regolamento (EU) N° 473/2013 del 21 maggio 2013, le scrivo per consultarla sui motivi per cui l’Italia prevede il mancato rispetto del Sgp nel 2015. Desidererei inoltre sapere in che modo l’Italia potrebbe assicurare il pieno rispetto dei propri obblighi di bilancio in base al Sgp per il 2015. La Commissione desidera continuare ad avere con l’Italia un dialogo costruttivo, mirato al raggiungimento di una comune valutazione. Sarei pertanto lieto di conoscere la sua opinione non appena possibile e preferibilmente entro il 24 ottobre. Ciò consentirebbe alla Commissione di prendere in considerazione il punto di vista dell’Italia nel proseguimento della procedura.

In fede,
Jyrki Katainen

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply