venerdì, 16 Aprile, 2021

Liberi professionisti, il ricongiungimento a rate. Cassa integrazione guadagni. Guida alle domande di anticipo

0

Cassa integrazione guadagni
GUIDA ALLE DOMANDE DI ANTICIPO 40%
Dal mese di giugno 2020, grazie a una disposizione introdotta con il decreto Rilancio, l’Inps può anticipare ai lavoratori destinatari dei trattamenti economici di integrazione salariale Covid, a pagamento diretto, una somma pari al 40% delle ore autorizzate per l’intero periodo.
Si tratta di una opportunità vantaggiosa, visto che consente al lavoratore di ottenere in breve tempo una disponibilità numeraria a titolo di acconto, senza dover attendere i tempi più lunghi necessari alla liquidazione dell’integrazione salariale, il cui saldo verrà corrisposto una volta completato l’intero iter amministrativo.
Per essere ammessi a fruire dell’anticipo, è necessario che il datore di lavoro ne faccia espressa richiesta al momento dell’inoltro della domanda di integrazione salariale a pagamento diretto.
Poiché la richiesta avviene in un momento antecedente rispetto a quello della effettiva sospensione, è importante che il datore di lavoro abbia fatto una programmazione accurata delle sospensioni che intende attuare, considerato che il 40% viene calcolato sulle ore di tutto il periodo richiesto.
Tuttavia, nella istanza di anticipo del 40%, è possibile anche indicare un numero di ore inferiore rispetto a quello inserito nella domanda principale, per evitare che l’acconto risulti, alla fine del periodo di sospensione, maggiore dell’importo dovuto a saldo.
Per ogni evenienza, si forniscono di seguito – agli eventuali soggetti interessati – le istruzioni per la corretta compilazione della domanda.
Compilazione della domanda
L’Istituto mette a disposizione tre tutorial per accompagnare l’utente nella compilazione delle istanze di Cassa integrazione guadagni ordinaria, in Deroga e dell’Assegno ordinario dei Fondi di solidarietà bilaterali con causale Covid-19, per le quali viene richiesto l’anticipo del 40% del pagamento del trattamento:
Per maggiori informazioni
La materia è regolata dalla circolare Inps del 27 giugno 2020, n. 78, con la quale l’Istituto ha fornito istruzioni per il pagamento dell’anticipo delle domande di integrazione salariale ordinaria (Cigo), di integrazione salariale in deroga (Cigd) presentate direttamente all’Inps, e di assegno ordinario presentate a decorrere dal 18 giugno 2020 per le quali il datore di lavoro abbia richiesto il pagamento diretto.
Con un successivo messaggio del 18 novembre scorso, n. 4335 l’Istituto ha comunicato ulteriori dettagli in merito all’anticipo, nella misura del 40%, da parte dell’Inps del trattamento per le ore autorizzate nell’intero periodo, come previsto dalla legge 17 luglio 2020, n. 77.

 

Estratti contributivi e Ministero Istruzione
GLI ACCORDI DI ROMA, MILANO E CAGLIARI
L’Ufficio centrale Estratto Conto dipendenti pubblici dell’Inps e le articolazioni territoriali del Ministero dell’Istruzione hanno recentemente siglato tre Accordi sperimentali per la digitalizzazione e il trasferimento all’Istituto di una parte rilevante delle domande di riscatto, ricongiunzione e computo cd. “ante subentro”, presentate agli Uffici scolastici entro il 31 agosto 2000. Gli accordi consistono in un rinnovo per la città di Roma e due accordi per Milano e Cagliari, che si aggiungono alla convenzione del 2019 con il Ministero della Giustizia-Dipartimento Organizzazione giudiziaria.
I contenuti degli accordi
È stato rinnovato una seconda volta l’accordo sperimentale per il trasferimento delle domande del personale scolastico di Roma. Nel corso del 2021 saranno trasmessi all’Ufficio Eco ulteriori 3.300 fascicoli personali relativi al personale scolastico nato tra il 1961 e il 1965, dopo i circa 7.500 già inviati in precedenza per il personale nato tra il 1953 ed il 1960. È stato, inoltre, concluso l’Accordo annuale rinnovabile con l’Ambito territoriale Mi di Milano, che ha trasmesso all’Inps nel 2021 circa 300 fascicoli personali digitalizzati, e l’Accordo biennale rinnovabile con l’Ambito territoriale Mi di Cagliari, dal quale sono arrivati all’Inps 300 fascicoli personali digitalizzati, contenenti una o più domande di prestazione ancora giacenti, inoltrate dal personale scolastico di Cagliari nato dal 1956 in poi, con eventuali rinnovi, riferiti ad un massimo di 500 fascicoli all’anno.
Le istanze sono trasferite telematicamente all’Inps grazie alla collaborazione della Direzione centrale tecnologia informatica e progressivamente definite dall’Ufficio Eco, con precedenza per quelle dei prossimi pensionandi.
Le attività connesse riguardano: la correzione delle anomalie presenti negli estratti conto (se previsto dagli accordi con le sedi dell’Istituto), la certificazione del diritto a pensione, la gestione dei decreti provenienti dagli Uffici scolastici di Roma, Napoli, Milano e Cagliari.

 

Liberi professionisti
RATEIZZAZIONE DOMANDE DI RICONGIUNZIONE 2021
Il pagamento dell’onere di ricongiunzione può essere effettuato a rate con la maggiorazione di un interesse annuo composto.
Ogni anno sono fornite le tabelle con i coefficienti da utilizzare per i pagamenti relativi alle domande presentate, aggiornati in base al tasso di variazione medio annuo dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, accertato dall’Istat per l’anno precedente a quello di riferimento.
Con la circolare Inps del 16 febbraio scorso, n. 26 l’Istituto ha informato che il tasso di variazione medio annuo dell’indice dei prezzi al consumo per il 2020 è risultato negativo ed è pari a -0,3%. Ne consegue che non può essere determinata alcuna maggiorazione a titolo di interesse degli oneri di ricongiunzione relativi alle domande presentate nel corso del 2021.
Pertanto, gli oneri di ricongiunzione relativi a istanze inoltrate nel corso del 2021 possono essere versati a rate, senza applicazione di interessi per la rateizzazione.

 

Inps comunica
LA CONVENZIONE RETI AMICHE E’ SOSTITUITA DA PAGOPA
Il sistema di pagamento online tramite la convenzione reti Amiche sarà disattivato. Il servizio sarà sostituito definitivamente con la modalità di pagamento pagoPA (pagamento online pagoPA e Avviso di Pagamento pagoPA.
PagoPA è il sistema dei pagamenti elettronici della pubblica amministrazione per la gestione dell’intero ciclo di vita dei pagamenti effettuati dai cittadini verso le amministrazioni.
Tale variazione è resa necessaria dall’applicazione dell’articolo 5 del Codice dell’amministrazione digitale (Cad) e dell’articolo 24 del DL 16 luglio 2020, n.76, in base ai quali tutte le Pubbliche Amministrazioni sono obbligate ad adeguare il proprio sistema degli incassi entro il 28 febbraio del corrente anno.
La convenzione Reti Amiche è stata già disattivata per Lottomatica a partire dal 13 febbraio scorso, e dal 28 febbraio 2021 sarà resa inattiva per Unicredit, Poste Italiane e SisalPAY.

 

Uniemens
AGGIORNAMENTO CODICI CONTRATTO DA MARZO 2021
Dal 1° gennaio 2010, per le aziende e gli intermediari, ha preso il via l’unificazione dei flussi Emens e Dm10 in un unico flusso informativo denominato Uniemens.
Il datore di lavoro, che svolge la funzione di sostituto di imposta, può inviare all’Inps, attraverso questo sistema le denunce obbligatorie mensili relative ai lavoratori dipendenti.
Nel messaggio Inps del 16 febbraio scorso, n. 663 l’istituto rende noto che a partire dal periodo di paga marzo 2021, sono stati istituiti nuovi codici contratto da utilizzare nella denuncia individuale del flusso Uniemens.
Nello stesso messaggio, sono indicati i nuovi codici, le descrizioni aggiornate e il codice che viene disattivato, in quanto confluito in un altro Ccnl (Federlegnoarredo).

 

Carlo Pareto

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply