lunedì, 6 Dicembre, 2021

L’incerto destino degli astrazenechini

0

Dall’informazione è sparita ogni traccia del vaccino AstraZeneca, nemmeno fosse un’eresia solo nominarlo! Quando le donne e gli uomini di scienza si riferiscono alla terza dose, e perché sia necessario farla, con la bacchetta in mano indicano sulla lavagna luminosa il tempo dell’immunizzazione di Pfizer, Moderna, Johnson&Johnson, ma del vaccino di Oxford su quella lavagna non c’è traccia. Eppure milioni di italiani costretti ad inocularsi l’anti Covid, come all’epoca fosse stato l’unico rimedio per tenere lontano il Diavolo, avrebbero voluto iniettarsi il ricco vaccino americano…però niente da fare, erano trattati come visionari ed a loro veniva imposto AstraZeneca: prendere o lasciare! E sono centinaia di migliaia quelli che lo hanno assunto; anzi, ingoiato come l’amaro calice! Accidenti, quasi sapessero che sotto c’era qualcosa che non tornava. Ed infatti, a soli pochi mesi da quei giorni dove avremmo fatto qualsiasi cosa pur di avere una possibilità di fuggire alla pandemia, seppur riluttanti, ci siamo fatti inoculare il vaccino di Oxford. Eppure c’era qualcosa di strano, perché nei centri vaccinali noi astrazenechini non abbiamo mai fatto la fila, mentre a ridosso dei box dove iniettavano Pfizer c’era una coda che sembrava di essere in autostrada a Ferragosto. Ma a parte queste riflessioni su quanto è successo ieri, oggi vorremmo sapere solo se siamo davvero immunizzati, ancora per quanto tempo e se dobbiamo fare la terza dose in Inghilterra a spese nostre! Oppure metterci in fila sull’autostrada anche noi, per iniettarci il vaccino americano nella speranza che la fila scorra e si possa arrivare a vaccinarsi per il prossimo Ferragosto. Nel frattempo, durante questo tragitto lungo e faticoso, un po’ come andare a piedi a Santiago de Compostela, vorremmo sapere chi ci protegge: Astra, la Madonna, Zeneca, dobbiamo confidare nella fortuna. Lo chiedo perché quando la domanda viene rivolta agli esperti ti guardano come fossi un mentecatto, ed a mezza bocca qualcuno risponde che faremo Pfizer, lo dice come ti rimproverasse di fare il furbo…ma come non lo sai? La maggior parte dei virologi invece fa finta di soffiarsi il naso, risponde al telefono, beve un goccio d’acqua, o chiede il permesso di andare in bagno. Insomma, non rispondono! Personalmente sono fermamente convinto che il vaccino sia l’unico mezzo che ci possa tenere lontano dalla rianimazione, ed anche dall’ospedale, però perché non fare una trasmissione televisiva sull’argomento, magari in una delle reti di Stato per tranquillizzare noi vaccinati AstraZeneca: non farlo credo sia ‘disonesto’ nei confronti di quanti si sono inoculati con fiducia il vaccino di Oxford. A questo punto credo sul serio che i ‘ni-vax’ siano figli della pessima informazione. Faccio un appello alla professoressa Antonella Viola, che dà l’idea di essere una professionista che non gira intorno alle parole…chieda uno spazio televisivo e ci racconti cosa vede nella sua sfera di cristallo per noi astrazenechini.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply