lunedì, 14 Giugno, 2021

Marò, diplomazie al lavoro

0

Nencini-Maro-ParlamentariCome preannunciato il Presidente del Consiglio è salito al Quirinale per riferire a Napolitano sulla situazione dei due fucilieri di marina accusati dalle autorità indiane di aver ucciso due pescatori, scambiati per pirati, mentre erano di scorta alla portacontainer Enrica Lexie al largo della costa del Kerala il 15 febbraio 2012.

Ieri il Presidente della Repubblica aveva avuto parole molto dure nei confronti del governo indiano, sostanzialmente accusato di non aver fatto nulla per trovare una soluzione diplomatica alla vicenda ed era stato annunciato l’incontro con Renzi per sottolineare l’unità d’intenti dei vertici istituzionali del Paese e mettere a punto i prossimi passi del nostro governo nei confronti di Nuova Delhi per mettere fine alla crisi. In mattinata, nel corso di un’intervista a Rtl, il premier aveva detto: “È stato fatto un terribile pasticcio con errori grossolani, ma il mio governo è assolutamente impegnato a trovare una soluzione condivisa il prima possibile”. “Per la prima volta – aveva sottolineato – dopo mesi il governo indiano ha espresso il desiderio di una soluzione condivisa e concertata”. Il governo è “al lavoro con il governo indiano” per riportare a casa “tutti e due i due marò” (in realtà uno solo, Salvatore Girone, perché Massimiliano Latorre è già in Italia in convalescenza, ndr) “in un clima di rispetto istituzionale, ma chiediamo che si faccia rapidamente”. “Ogni parola è di troppo. Non passa un giorno senza che pensi a quella vicenda e cerchi di risolverla con i canali della diplomazia. È il momento – ha poi sottolineato – di non aprir bocca e di risolvere i problemi”.

Nel suo incontro con Napolitano, Renzi ha poi illustrato le misure relative al lavoro e al fisco che domani saranno all’esame del Consiglio dei ministri.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply