lunedì, 21 Giugno, 2021

Milano, imbrattato il pannello ricordo dell’assalto all’Avanti!

0

Era stato appena inaugurato, lo scorso lunedì. Il 15 di aprile era stato deposto il totem “Milano è memoria” per ricordare appunto i cento anni dal primo assalto e dalla distruzione della sede dell’Avanti! da parte delle squadre fasciste. Un evento di cui l’Avanti! ha dato ampio spazio nelle sue pagine.

Era seguito un pomeriggio di incontri e di dibattiti. Sono passati pochissimi giorni e subito i fascisti sono tornati a deturpare il cartello infangando così la storia del giornale socialista. Come se quei cento anni non fossero mai passati.

L’immagine viene pubblicata subito su Facebook e arrivano subito e numerosi i commenti dei compagni indignati. E non solo dei compagni, perché per sentirsi offesi non è necessario essere socialisti. Basta avere il senso della democrazia e riconoscere la inviolabilità del diritto ad esporre i propri simboli senza dover temere che alcuni scellerati li possano insozzare impunemente.

“Dati i tempi non è che ci voglia poi tanto!!!” è il commento “social” di Francesco. Ma ne seguono subito numerosi altri. “Sono imbecilli, prima che fascisti” dice Giuseppe. Mentre Simon ricorda che era stato appena inaugurato. Ugo usa l’ironia: “Li faremo neri…” Insomma, come si legge in un altro commento “i fascisti si fanno riconoscere subito”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Scrivo al volo, penso con la mano sinistra, leggo da ogni angolazione, cerco connessioni

Leave A Reply