sabato, 25 Settembre, 2021

Nuovo sciopero Ilva: servono misure urgenti

0

Domani un nuovo sciopero dei lavoratori dell’ex-Ilva a Taranto. Lo hanno proclamato le segreterie provinciali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm e Usb, che organizzeranno un presidio alla Prefettura e davanti alla sede della società dalle 8 del mattino.
I sindacati hanno dichiarato che lo sciopero è imprescindibile essendo urgente definire un’ulteriore misura a carattere straordinario per il sostegno delle retribuzioni dei lavoratori, per i quali non è più possibile tollerare le penalizzazioni sul piano economico.
Fim, Fiom, Uilm e Usb hanno dichiarato: “Giova ricordare che, anche per il tramite del sindaco di Taranto, la società si adoperava a disporre un’anticipazione straordinaria degli emolumenti necessari, per l’arco temporale strettamente necessario al valicare il vuoto causato dal ritardo del decreto da parte del governo. Oltre a questo il quadro delle retribuzioni si è pericolosamente complicato a fronte di quanto riscontrato in queste ore sul problema dell’elaborazione dei flussi da parte di Ilva verso Inps, che stanno causando e causeranno gravissimi e imprudenti ritardi sui pagamenti della cassa integrazione per quasi la totalità dei lavoratori. Per questo, dicono i sindacati, non possiamo più sopportare il pesante clima di incertezza sul futuro e sulle retribuzioni che, a partire dai ritardi sul provvedimento di integrazione salariale e per tutte le ragioni legate al protrarsi della vertenza stessa dell’ex-Ilva, ha esasperato gli animi e inquietato la fiducia verso il futuro. Tutto questo stato di fatti non è più ammissibile”.
Nell’attesa che il governo vari il decreto sostegno con il provvedimento di integrazione salariale, Fim Fiom Uilm e Usb sollecitano una riunione, auspicando che i commissari straordinari la convochino già dalle prossime ore, per convalidare, così come avvenuto il 12 febbraio, una misura eccezionale che consenta, seppure in parte, il sostegno economico ai lavoratori e alle loro famiglie. Se durante i presidi non intervenissero elementi utili a snaturare i problemi causati ai lavoratori, l’assemblea assumerà ulteriori e più incisive iniziative a sostegno delle legittime rivendicazioni”.
I Commissari straordinari dell’Ilva in As hanno fissato per oggi alle 14 un nuovo incontro con le organizzazioni sindacali dei metalmeccanici di Taranto che hanno sollecitato un’ulteriore misura a carattere straordinario per il sostegno delle retribuzioni dei circa 1.700 lavoratori in Cigs in attesa che il Governo vari il decreto Sostegno contenente il provvedimento di integrazione salariale.
La mobilitazione potrebbe essere sospesa in caso di risposte positive dopo l’incontro con i commissari.

 

Salvatore Rondello

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply