martedì, 7 Dicembre, 2021

On the road, arriva al cinema il film nichilista della beat generation

0

Il best seller di Jack Kerouac ‘On the road – Sulla Strada’ diventa film. La pellicola, il cui libro da cui è tratta ispira la generazione post bellica e tra le righe (ma non troppo) denuncia il fallimento del sogno americano, sarà diretta da Walter Salles, che da cinque anni era impegnato nell’impresa, e avrà la produzione esecutiva di Francis Ford Coppola disegna. L’opera, che ha ispirato la beat generation, diventa dunque pellicola con una storia a tratti semplice: dopo la morte del padre, Sal Paradise aspirante scrittore di New York, incontra Dean Moriarty (Garrett Hedlund, nella realtà Neal Cassady), un selvaggio e carismatico ex detenuto. LA TRAMA- due legano immediatamente e decidono di mettersi sulla strada. L’adattamento cinematografico ha chiamato a raccolta un cast di grandi artisti: Kristen Stewart (reduce dalla saga di Twilight), Sam Riley, Garrett Hedlund, Amy Adams, Kirsten Dunst, Alice Braga, Elizabeth Moss, Viggo Mortensen, Steve Buscemi e Terrence Howard. On The Road debutterà a fine maggio in Francia, durante il Festival di Cannes, e sarà in Italia il 7 settembre 2012.

LA CITAZIONE- «A quel tempo danzavano per le strade come pazzi e io li seguivo a fatica come ho fatto tutta la vita con le persone che mi interessano, perché le uniche persone che esistono per me sono i pazzi, i pazzi di voglia di vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno “Oooooh!”». Questa una delle celeberrime citazioni tratte del libro e sicuramente la sintesi più convincente della trama dell’opera di Keruac.

NICHILISMO- Il capolavoro, scritto in tre settimane su una telescrivente, è un universo itinerante svincolato da qualsivoglia regola, dove la regola diventa la trasgressione della regola. A giudicare dal trailer sicuramente un film che fa riflettere, che nasce da un’opera su una generazione che inseguendo un sogno, quello americano, si è ritrovata in pieno nichilismo a colmare un vuoto di cui il viaggio viene a essere l’esorcismo, rito che si compie attraverso una trasgressione sfrenata mai sazia. Un viaggio che anche lo spettatore più esigente sicuramente apprezzerà.

Diletta Liberati

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply