mercoledì, 12 Maggio, 2021

Ponte sullo Stretto
Per non … dimenticare

1

Ponte stretto MessinaUn interessante convegno sul futuro dell’area dello Stretto si è svolto, ad iniziativa del Circolo Itaca, presieduto da Corrado La Rosa, sabato 14 novembre a Messina.

L’iniziativa è stata aperta dalla relazione di Francesca Moraci, docente di urbanistica nell’Università di Reggio Calabria e membro del cda dell’Anas, che ha illustrato la nuova organizzazione per sistemi che segna le moderne economie, nelle quali le infrastrutture di trasporto assumono rilievo strategico.

A seguire un ricco dibattito nel quale sono intervenuti José Gambino, docente universitario e presidente del comitato scientifico del Centro studi per l’Area dello Stretto, Enzo Vitale, presidente della Fondazione Mediterranea per l’Area dello Stretto di Reggio Calabria, Alessandro De Leo, segretario del sindacato metalmeccanici Fismic, Cosimo Inferrera, docente universitario e presidente del Kiwanis Messina, Salvatore Todaro, medico e rotariano, Le conclusioni sono state tratte da Maurizio Ballistreri, docente nell’Università di Messina e presidente del Comitato scientifico dei “Quaderni dell’Autonomia”. Tutti gli interventi hanno evidenziato come l’area dello Stretto rischi di essere “un’occasione perduta per i territori interessati e il Mezzogiorno, a causa di una sua declamazione a parole rimasta senza esito nelle azioni della politica locale, più interessata alla spartizione di posti e prebende, come testimonia l’assurda vicenda dell’Autorità portuale dello Stretto”. Altro filo conduttore della relazione e del dibattito il Ponte, “che avrebbe imposto, al di là dei problemi istituzionali, lo sviluppo dell’area dello Stretto, imponendone l’integrazione”. Nelle sue conclusioni il prof. Ballistreri ha lanciato la proposta di trasformare i partecipanti al convegno in un gruppo di pressione permanente sul tema.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply