sabato, 17 Aprile, 2021

Presentato a Roma il libro “Istituti discredito”

9

Presentazione libro "Istituti di (s)credito"Presieduta dal direttore Mauro Del Bue si è svolta alla sala della Minerva del Senato la presentazione del libro di Biagio Riccio e Angelo Santoro “Istituti di (s)credito”, la raccolta degli articoli pubblicati sul quotidiano Avanti! attorno agli abusi delle banche nei confronti dei cittadini. Del Bue, nella sua presentazione, ha voluto soffermarsi sul rilievo che ormai l’Avanti! sta assumendo soprattutto come organo di denuncia e di proposta. Non a caso il giornale ha voluto riservare il suo spazio a questa iniziativa che rappresenta un’istanza di giustizia cara alla storia socialista. Il senatore Enrico Buemi, dal canto suo, ha molto apprezzato lo sforzo dei due autori sul tema che lo hanno coinvolto anche nelle vesti di imprenditore. E ha assicurato piena disponibilità a raccogliere le indicazioni che verranno sul piano legislativo. Il presidente della Fondazione Sdl, l’avvocato Serafino Di Loreto, ha reso noti i dati relativi alle migliaia di casi di anatocismo (pagamento degli interessi sugli interessi bancari).

L’avvocato Biagio Riccio ha definito “una peste finanziaria”, del tipo di quella manzoniana, quella dei banchieri untori, una prepotenza sulle classi più esposte del Paese e ha suggerito due iniziative di stampo legislativo. La prima riferita alla pratica dell’usura da parte di taluni istituti di credito, la seconda sulla questione della centrale rischi, che viene usata come strumento di selezione e spesso di persecuzione. E qualora contenga un errore, non esistono norme che permettano un’azione giudiziaria da parte del soggetto ingiustamente segnalato. Il dottor Angelo Santoro ha fatto seguito all’intervento dell’avvocato Riccio e ha chiesto di convogliare tutte le prepotenze subite segnalandole al giornale Avanti! con cui collabora. All’iniziativa ha presenziato anche Bobo Craxi che si è impegnato a favorire la presentazione del libro anche nella città di Milano.

Redazione Avanti!

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply