giovedì, 24 Giugno, 2021

Progetti, innovazione
e avanguardia alla
Maker Faire Rome

0

cutecircuit-aurora-dressSi è svolto a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica ideato da Renzo Piano, il più grande evento di innovazione al mondo: la Maker Faire. Questa mostra ha ospitato progetti a cui gli innovatori del terzo millennio stanno lavorando e ha messo a disposizione del vasto pubblico, che numeroso ha visitato la fiera, il sapere tecnologico ed artigianale. L’avanguardia ed il progresso sono stati i protagonisti dell’evento, il quale è riuscito ad interessare tutte le fasce generazionali, incredule nell’ammirare, ad esempio, i sofisticati droni o la “band robotica” in grado di produrre suoni. Il Maker Faire Rome, progetto promosso dalla Camera di Commercio di Roma ed organizzato dalla sua Azienda Speciale Asset Camera, ha chiuso l’Innovation Week, settimana in cui si sono alternati incontri, forum e dibattiti riguardanti la rivoluzione digitale.

Curatori della Maker sono stati Riccardo Luna e Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino. Il pubblico è rimasto affascinato dai 600 progetti provenienti da 33 nazioni, quali Italia, Germania, Francia, India, Messico e tante altre. Tra i progettisti la maggior parte erano giovani, laureandi o neolaureati, emozionati nel poter esporre le loro innovazioni e speranzosi, a sentir loro, che queste vengano prodotte in serie. Ragazzi che credono fortemente nei loro progetti e nell’utilità che internet ha nella vita quotidiana. Stand dopo stand (si tratta di ben 70.000 mq, ndr) i loro sguardi erano vivi, brillavano di una luce presente solo in chi ha fede nel cambiamento. Nuove generazioni pronte a riscattarsi da uno stereotipo che le cristallizza come mancanti di interessi. La Maker Faire, oltre ad aver esposto quindi le nuove innovazioni del mondo ultra-tecnologico, ha mostrato lo slancio vitale di persone che non smettono di lottare per ciò in cui credono. Saremo in grado di valorizzarle?

Francesca Fermanelli

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply