domenica, 1 Agosto, 2021

Psi Roma
Genazzano, il Pd si dimostri responsabile

0

L’amministrazione Cefaro ha segnato un cambio di passo importante per Genazzano. Negli ultimi due anni tante cose sono state fatte in ambito culturale ambientale in termini di innovazione.
Molte Città hanno invidiato Genazzano perché, con una delle crisi pandemiche più gravi dal dopoguerra ad oggi, ha potuto contare sull’esperienza e l’operatività del Prof. Alessandro Cefaro.

Sì perché solo un medico può capire come curare un malato e solo lui può trovare le soluzioni più opportune per stabilizzare il paziente, in questo caso Genazzano.
Eppure Alessandro, da una frangia di uno dei partiti fondatori del progetto “Patto Civico per Genazzano”, ha dovuto ascoltare parole come: Potestà, Despota e Sceriffo; soltanto perché Alessandro a differenza di altri, non è schiavo dei soliti giochi di potere che purtroppo imperversano in molte città della provincia romana.
Noi socialisti non solo lo sosteniamo a gran voce ma facciamo di Alessandro Cefaro un esempio da seguire come bravo amministratore, mai lontano, come invece altri, dal proprio popolo. Finire qui l’esperienza di questa amministrazione sarebbe un male per la cittadinanza.

Un partito che esprime assessori nella squadra di governo ha accusato il Professor Cefaro di aver portato a termine, ancora una volta, un progetto riguardante il fotovoltaico a Genazzano (tema che dovrebbe toccare la sensibilità di centrosinistra) senza informare, dicono loro, la Giunta. Peccato che il potere autorizzativo spetti alla Regione Lazio a guida PD.

Andiamo per gradi: Che tipo di assessori/amministratori sono coloro che non sanno cosa succede nella loro città?
Che tipo di dirigenti di partito sono coloro che non vengono notiziati neanche dei loro referenti regionali?
Sarebbe il caso, quindi, che il partito che infama in questo modo un amministratore così solerte, si cosparga il capo di cenere indichi altri due nominativi per le deleghe riconsegnate, mettendo subito i nuovi assessori al lavoro, cercando di ricostruire la credibilità del loro partito di riferimento.
L’altra opzione sono le urne, che con un centrosinistra spaccato lascerebbe strada libera alle destre, se questo è quello a cui si sta pensando per i genazzanesi, il partito che accusa Cefaro ne risponderà, attraverso il giudizio attento dei suoi cittadini.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply