martedì, 22 Giugno, 2021

PUNTO E A CAPO

0

Si ricomincia. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in previsione di un Governo che sarebbe ‘caduto’ dopo la relazione del Guardasilli, è andato al Quirinale e si è ufficialmente dimesso come annunciato ieri, da domani il Capo dello Stato Mattarella inizierà le consultazioni.
Il presidente Mattarella ha accettato la dimissioni del premier ma con riserva.
Il conto alla rovescia per tentare di varare un Conte ter è ufficialmente partito. Nelle prossime 24/48 ore dovranno palesarsi i 10/15 senatori responsabili, che servono a tenere in piedi la maggioranza senza il sostegno d’Italia viva. In caso contrario bisognerà sondare se esistono margini di manovra per ricucire con Matteo Renzi.
Dal Colle è stato diffuco il comunicato per confermare che Conte “ha rassegnato le dimissioni” e “il Presidente della Repubblica si è riservato di decidere e ha invitato il Governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti”.
Adesso si lavora per ricompattare e trovare una strada per la Maggioranza, la coalizione di destra assicura che non ci sarà un Governo Ursula, mentre dal segretario socialista Maraio arriva il plauso al premier uscente: “L’annuncio delle dimissioni di Giuseppe Conte al Capo dello Stato rappresentano un atto di grande responsabilità. Da qui si dovrà ripartire per un Governo autorevole e credibile. Con una maggioranza coesa e più forte”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply