mercoledì, 16 Giugno, 2021

Rendez-vous, festival del cinema francese al femminile

0

Dal 9 al 13 giugno 2021 a Roma al Cinema Nuovo Sacher, si svolgerà la XI edizione del CINEMA AL FEMMINILE “RENDEZ VOUS – Nuovo cinema francese”.
La manifestazione si svolgerà con gli auspici dell’Ambasciatore di Francia, Christian Masset, a Roma (Largo Ascianghi, 1), nel cinema diretto da Nanni Moretti.
L’XI edizione di RENDEZ-VOUS, FESTIVAL DEL NUOVO CINEMA FRANCESE, è stata realizzata su iniziativa dell’Institut français Italia e dell’Ente di promozione del cinema francese nel mondo, UniFrance,
La rassegna di quest’anno, con Benoit Blanchards responsabile del progetto, e sotto la direzione artistica di Vanessa Tonnini, è dedicata alle figure femminili del cinema d’oltre alpe esibendo un vasto panorama di cineaste e attrici, note ed esordienti, con lo scopo di fornire una visione attuale di un cinema creativo e vario nelle proposte e nei contenuti.
Tutti i film saranno proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano.
Il festival sarà aperto dal film Antoinette dans les Cévenne/ Io, lui, lei e l’asino di Carolin Vignal con Laure Calamy, che in Italia è conosciuta, come Noémie nella serie Chiami il mio agente! Che ha vinto il Cèsar come migliore attrice. Alla proiezione del film in anteprima nazionale, il 10 giugno parteciperà la regista Caroline Vignal.
Seguiranno, sempre in anteprima Passion Simple di Danielle Arbid (che sarà presente alla proiezione) e J’aimé vivre là di Régis Sauder, due film tratti dall’opera della scrittrice Annie Ernaux. Il film, non ancora uscito in Francia, è un adattamento in pellicola del libro omonimo di Annie Ernaux che nel 1992 fece scandalo per il suo contenuto erotico e rivoluzionario.
Dopo ci sarà la proiezione del film L’HOMME QUI A VENDU SA PEAU (L’UOMO CHE VENDETTE LA SUA PELLE), della regista Kaouther Ben Hania, che ha realizzato una favola politica, audace e sofisticata. Candidato all’Oscar 2021 come miglior film straniero, il film vede nel cast Yahya Mahayni, miglior attore a Venezia 77 nella sezione Orizzonti, e Monica Bellucci nel ruolo di una gallerista. A presentare il film a Roma, e poi a Bologna e Torino, sarà proprio Yahya Mahayni.
Al film al primo esordio della giovane regista Chloé Mazlo con il film SOUS LE CIEL D’ALICE (Sotto il cielo di Alice) andrà il Premio France 24 – Rendez Vous 2021. Alba Rohrwacher è la protagonista della storia che comincia negli anni Cinquanta, quando la giovane Alice (Rohrwacher) lascia la Svizzera per il Libano.
Anche LES HÉROS NE MEURENT JAMAIS (Gli eroi non muoiono mai) è un’opera prima della regista Aude Léa Rapin.
Nicolas Maury, la star della serie Chiami il mio agente!, presenta, in anteprima nazionale, la sua opera prima: GARÇON CHIFFON (Ragazzo di pezza), che ha scritto, diretto e interpretato.
Jean-Paul Salomé presenterà a Roma, dopo l’anteprima bolognese al Biografilm, LA DARONNE (LA PADRINA), una commedia, insolente e brillante, a firma del regista francese, con una sempre più sorprendente Isabelle Huppert.
Quentin Dupieux, dalla Mostra del Cinema di Venezia 77, verrà a Roma a presentare MANDIBULES – DUE UOMINI E UNA MOSCA. 
Sul fronte dell’animazione sarà presentato JOSEP di Aurel, in anteprima nazionale, insignito con il César 2021 come miglior film di animazione. La storia prende avvio nel febbraio del 1939, quando, travolto dal flusso dei repubblicani in fuga dalla dittatura di Franco, il governo francese rinchiude i rifugiati spagnoli nei campi di concentramento. 
Emmanuelle Béart, attrice versatile, perfezionista e sensibile, femme fatale dal fascino magnetico, sarà a Roma per presentare, in anteprima nazionale, il suo ultimo film L’ÉTREINTE, al fianco del regista Ludovic Bergery.
Una manifestazione che premetterà al pubblico italiano di conoscere da vicino pellicole e personalità del cinema francese al femminile.
Un momento importante per conoscere la cultura cinematografica al femminile d’oltralpe, tenendo ben presente che femminilità e mascolinità sono aspetti complementari dell’umanità in cui nella dialettica costruttiva può essere necessario scoprirsi per comprendere meglio le differenze che uniscono.
Roma, 8 giugno 2021
La Redazione

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply