venerdì, 23 Luglio, 2021

Ritorna “Assolo”, non solo musica in streaming dal Villa Pamphilj

0

Dopo il successo della precedente edizione, sabato 3 aprile (vigilia di Pasqua) alle ore 19.30, torna la rassegna “Assolo” al Teatro di Villa Pamphilj all’interno del “Festival Popolare italiano – canti e corde mantici e ottoni”.
“Assolo” presenta concerti in solo di alcuni degli artisti più interessanti del panorama musicale italiano che si esibiscono e dialogano in musica (e non solo) con Stefano Saletti, direttore artistico del Festival, in un continuo scambio di sonorità e rimandi musicali. Sono dei concerti nei quali i musicisti propongono il proprio universo musicale e raccontano le influenze, i vari stili in un confronto di idee e pensieri che da sempre rappresentano l’anima del Festival.
Tutti gli appuntamenti – alle ore 19:30 – saranno trasmessi in diretta sulla pagina Facebook e Instagram del Teatro Villa Pamphilj e del Festival Popolare italiano e visibili successivamente anche su YouTube.

Assolo è una produzione Teatro Villa Pamphilj (direzione artistica di Veronica Olmi) a cura di Stefano Saletti e rientra nel programma Roma Culture.
Nel primo appuntamento di Assolo, che sarà online il prossimo sabato 3 aprile, Saletti dialoga e suona con Ginevra Di Marco e Francesco Magnelli che, attraverso aneddoti e canzoni, raccontano un viaggio artistico lungo 30 anni dai CSI al recente disco su Luigi Tenco, una lunga cavalcata con tante tappe, che illustrano i tanti rami che sono nati dallo stesso albero.
Ginevra Di Marco è una delle più raffinate interpreti del panorama italiano, la sua esperienza spazia dalle sonorità trasversali e ricercate dei CSI, di cui era una delle anime e con cui ha condiviso dieci anni di storia artistica, alla world music, fino alla rilettura di alcuni dei nomi del cantautorato italiano. Nel suo percorso artistico Ginevra incrocia volti, suoni, memorie, e fa suoi canti in lingue diverse, si confronta con artisti del panorama nazionale e internazionale in un continuo scambio musicale e umano. Il suo ultimo lavoro è “Quello che conta. Ginevra canta Luigi Tenco”.
Francesco Magnelli, pianista, compositore e arrangiatore, fa parte della storia artistica di gruppi come Litfiba, CCCP e CSI. Ha ideato lo spettacolo musicale itinerante Stazioni Lunari con autori e musicisti sempre diversi che interagiscono tra loro in una fusione musicale che travalica stili e generi. È produttore artistico dei dischi di Ginevra Di Marco, per la quale ha curato sempre gli arrangiamenti e il profilo artistico, in una comunione di pensiero e di progettualità che li vede insieme dal 1993.

Il Teatro Villa Pamphilj sarà online anche la domenica di Pasqua a mezzogiorno con “La Vignetta” di Fabio Magnasciutti. Una vignetta dedicata all’arte, alla cultura, in questo periodo sospeso, per riflettere e sorridere con profonda leggerezza realizzata da uno dei più apprezzati disegnatori contemporanei.
“Assolo” proseguirà il 10 aprile con Nando Citarella che, a pochi mesi dall’uscita del suo nuovo disco “Museca”, ripercorre tanti anni di carriera tra musica popolare, ricerca sul campo e una grande forza espressiva dal vivo.
Il 17 aprile andrà in scena un’altra voce simbolo della tradizione musicale e popolare italiana, Lucilla Galeazzi che, con la forza del suo canto, racconta il suo percorso artistico dalle prime esperienze fino ai grandi successi che l’hanno portata a esibirsi nei principali teatri e festival in tutto il mondo.
Il 24 aprile “Assolo” si apre alle sonorità del mondo grazie all’incontro con il musicista e pittore iraniano Pejman Tadayon che si confronta con Saletti sulle melodie, i ritmi e le poesie dei grandi mistici sufi, in un viaggio tra Oriente e Occidente.

Il 30 aprile la cantante e percussionista Valentina Ferraiuolo, insieme al chitarrista Domenico De Luca, racconta i suoi progetti legati al mondo del canto al femminile.
L’8 maggio saranno le voci di Sara Marini e Fabia Salvucci a chiudere la rassegna. Le due artiste presenteranno il progetto “Djelem do mar”, un viaggio intenso tra i canti e le musiche del mondo.

 

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply