venerdì, 7 Maggio, 2021

ROMA BLINDATA

0

A Roma blindato il centro storico per la manifestazione non autorizzata dalla Questura di Roma che ha invaso le vie intorno la sede della Camera, del Senato e del governo. Un elicottero in volo per il controllo dall’alto, agenti in tenuta antisommossa per far fronte alla manifestazione ‘Io apro’, con ben 130 pullman in arrivo da tutta Italia per protestare contro il prolungamento delle misure anti contagio che limitano l’apertura degli esercizi commerciali fino a maggio.
I primi gruppi di manifestanti, tra cui ristoratori e negozianti, si sono radunati nella vicina piazza San Silvestro al grido:”Libertà,dignità”. Alcuni manifesti funebri ricordano la morte delle palestre e delle piscine.”Non siamo partite Iva,siamo persone che lavorano 14 ore al giorno”.E un altro:”Non siamo delinquenti. Ci negano anche il diritto di manifestare”.

I manifestanti si sono dati appuntamento a piazza San Silvestro per muoversi in corteo verso Montecitorio. Chiuse dalla Polizia le strade attorno ai Palazzi a cui puntano i manifestanti, anche attraverso il dispiegamento di blindati per evitare che riaccada quanto registrato la settimana scorsa
I manifestanti, alcuni con le manette, e le mani alzate chiedono di andare verso Montecitorio. Bombe carte dalla testa del corteo mentre la polizia procede con piccole cariche di alleggerimento.

 

Le riaperture vanno fatte ma in sicurezza “a due condizioni” è commetto di Enrico Letta, segretario del Pd per il quale è ora di mettere fine al “toto date sulle riaperture”. “Cioè la vaccinazione di tutti gli over 60 e un tasso di contagio sotto una certa soglia. I politici non diano numeri al lotto”. Ha aggiunto Letta in risposta a Salvini e Meloni e al loro pressing sul governo per riaprire e indistintamente in fretta le attività.

 

Intanto i numeri fanno intravedere qualche ottimismo. Le Regioni italiane diventano quasi tutte ‘arancione’. Sei quelle che cambiano in meglio: Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte (tranne Cuneo), Toscana (ma province di Firenze e Prato restano ‘zona rossa’ fino a sabato 17 aprile) e Calabria. Tre Regioni restano in rosso (Campania Valle d’Aosta, Puglia) e una retrocede: la Sardegna che in poco più di un mese passa dalla zona bianca a quella rossa. Restano ‘zona arancione’ Lazio,Liguria, Sicilia,Basilicata,Molise, Abruzzo,Marche, Trento e Bolzano, Umbria e Veneto.
Inoltre sono in arrivo nuove quantità di vaccino.

 

Infatti tra il 15 e 22 aprile verranno consegnati alle Regioni 4,2 milioni di vaccini. Oltre a Pfizer,Moderna e AstraZeneca, arriveranno 180 mila dosi Johnson &Johnson. Lo annuncia il commissario all’emergenza Figliuolo. Nella settimana 16-22 aprile si stimano circa 315 mila somministrazioni giornaliere, aggiunge. Sono oltre 3 milioni gli over 80 che hanno ricevuto una dose, con un incremento di 500 mila rispetto alla settimana precedente. Si tratta del 70% della platea rilevata dalla tessera sanitaria.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply