mercoledì, 12 Maggio, 2021

Sanitopoli. Ottaviano Del Turco assolto

0

del turcoLa procura generale di Perugia ha
chiesto l’assoluzione dall’accusa di associazione per delinquere
dell’ex presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, e
degli altri imputati coinvolti nel processo bis sulla sanitopoli
abruzzese in corso nel capoluogo umbro. Per tutti il magistrato,
al termine del suo intervento, ha chiesto di rivedere al ribasso
le condanne già inflitte in secondo grado all’Aquila.

Nel dicembre del 2016 la Cassazione aveva confermato la condanna di Del Turco (oggi
presente in aula) per induzione indebita, ma aveva annullato con rinvio la condanna d’appello riguardante l’accusa più pesante, quella di associazione per delinquere. Per il sostituto procuratore generale Giuliano Mignini non c’è la prova che un sodalizio illecito abbia gestito la sanità abruzzese.

Il collegio ha rideterminato per lui la condanna in 3 anni e 11 mesi mentre nel processo di secondo grado celebrato all’Aquila gli erano stati inflitti quattro anni e due mesi (poi la Cassazione ha annullato quella parte di sentenza inviando gli atti a Perugia). Per l’ex presidente della Regione Abruzzo i giudici hanno inoltre trasformato l’interdizione dai pubblici uffici da perpetua a cinque anni.

Una ‘montagna di fango’ creata per travolgere la Giunta, così vennero definite le accuse mosse nei suoi confronti dall’allora Governatore dell’Abruzzo che passò 28 giorni in carcere a Sulmona e, poi, altri due mesi agli arresti domiciliari. Subito dopo l’arresto Del Turco si dimise dalla carica di presidente della Regione
Nel frattempo però l’inchiesta sulla sanità abruzzese portò alla caduta della giunta di centrosinistra e all’arresto, 14 luglio luglio del 2008, di Del Turco, allora governatore dell’Abruzzo, e di altre nove persone, tra cui assessori e consiglieri regionali.
“Dunque non c è stata alcuna associazione per delinquere che si era impossessata della Regione Abruzzo pur essendo stata quella giunta defenestrata da questa iniziativa giudiziaria”, afferma soddisfatto il legale di Del Turco, Caiazza.
Dall’accusa di associazione per delinquere sono stati assolti, sempre “perché il fatto non sussiste”, anche l’ex segretario generale della presidenza della Giunta regionale, Lamberto Quarta, e l’ex capogruppo della Margherita in Consiglio regionale, Camillo Cesarone.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply