martedì, 20 Aprile, 2021

Sansonetti e la sinistra liberale

2

Ecco cosa intendo per una sinistra socialista che sia innanzitutto liberale. Scrive Sansonetti “Allora, provo a spiegare con pazienza. In estrema sintesi: il giudice che ha condannato Berlusconi scrive sul giornale nato, dichiaratamente, per combattere Berlusconi. Dunque non era imparziale. Per la stessa ragione, in Brasile, sono stati annullati tutti i processi a Lula. ok?”. Mi rifaccio al mio grande amico Marco Pannella che nel 2008 venne addirittura in Abruzzo a farmi campagna elettorale e poi mi volle con lui relatore a Chianciano, e alla sua filosofia di una giustizia senza pregiudiziali politiche, perché é troppo comodo proteggere dalle ingiustizie chi la pensa come te, il difficile é proteggere i tuoi avversari. Chi proviene da una tradizione comunista o cattolico popolare non ha storicamente una cultura avanzata dei diritti e tende a una visione assolutista della realtá. Da una parte il bene e dall’altro il male. Il retaggio di un bipolarismo da vecchi film western. Diceva Camillo Prampolini: “La democrazia non é il rispetto delle maggioranze, ma la capacità delle maggioranze di rispettare le minoranze”. D’altronde ë difficile per chi ha dipinto Berlusconi come un mostro accettare oggi che sia stato vittima di ingiustizie. Ma perché Berlusconi é stato dipinto come un mostro? Mica perché era un grande imprenditore, mica perché aveva appoggiato il Psi, mica perché era presidente del Milan. No. Solo perché nel 1994 aveva osato sfidare la gioiosa macchina da guerra occhettiana e sconfiggerla. Da allora é diventato il mostro. Una sinistra liberale sfida Berlusconi sul piano politico, programmatico, ideale, ma lo difende quando é vittima di una campagna di odio fomentata dalla magistratura e sostenuta dal suo organo ufficiale e quando é condannato da sentenze politiche. Senza titubanze. Forse comincerà a difenderlo ora, d’altronde qualche favore gli é stato reso a proposito della scalata di Vivendi n Mediaset,  ma solo perché si sta mostrando sempre più lontano da Salvini e privo ormai dell’antico consenso. La logica però non cambia. Purtroppo.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Mauro Del Bue

2 commenti

  1. Avatar
    Mario Mosca on

    Che alcuni processi a Berlusconi siano stati dettati da ragioni politiche, è assai probabile.
    Che il numero di procedimenti giudiziari a suo carico siano stati troppi, è evidente.
    Che non sia un mostro, è sicuro.
    Ciononostante è pur vero che Berlusconi ha subito una condanna, definitiva, e che fra le assoluzioni non tutte sono con formula piena, ve ne sono diverse con formula dubitativa e per prescrizione di reato.
    E con le leggi “ad personam” non ha certo dato un buon esempio.
    Insomma, Berlusconi non è certo Al Capone ma da qui a presentarlo come vittima del sistema giudiziario ce ne passa.
    E lo scrivo da garantista pannelliano.
    Saluti,
    Mario Mosca.

  2. Avatar
    Paolo Bolognesi on

    Che io ricordi, ogni qualvolta mi è capitato di ascoltare Sansonetti, ho avuto l’impressione di trovarmi di fronte ad un garantista autentico, ossia “a tutto tondo”, anche nei confronti dei socialisti, alcuni dei quali, nel difendere la nostra storia, si sono invece lasciati andare ad un qualche “ma”, una sorta di senso di colpa che altri hanno poi “ingenerosamente” e strumentalmente amplificato (come se ad un partito che ha attraversato tutte le fasi difficili e complesse del Belpaese, non tirandosene mai fuori, non dovesse essere concesso un qualche limite ed errore).

    Sono gli stessi “ma” che mi è poi sembrato di veder ripetutamente applicati – a mio avviso ingiustamente – nei confronti del Cavaliere, riguardo al quale, anziché sfidarlo “sul piano politico, programmatico, ideale”, si è piuttosto puntato sulla sua “demonizzazione”, cercando altresì di estrometterlo dalla vita politica, vedi il farlo decadere da Senatore, salvo il sentir adesso dire che nel nostro Paese c’è un “vuoto liberale”, mancherebbe cioè una forza di stampo ed ispirazione liberale, che proprio il Cav. aveva cercato di interpretare e rappresentare (vacci a capire !?).

    Paolo B. 06.04.2021

Leave A Reply