domenica, 26 Settembre, 2021

Scrive Adalberto Andreani:
Stadi, ristrutturare non costruire

0

GENTILE DIRETTORE,

sono concorde col progetto del Sindaco di Firenze, per la ristrutturazione e la copertura del bellissimo stadio Fiorentino di Nervi, invece che costruirne uno nuovo ed anonimo, uguale a quelli che si vedono agli Europei di calcio in corso. Tutti stadi uguali, addossati al campo, anonimi e senza respiro. Noi in Italia abbiamo delle opere d’arte anche negli stadi. L’ OLIMPICO di ROMA, era lo stadio delle OLIMPIADI del 1960 e tale doveva restare nel contesto del Foro Italico, senza la demolizione del 1990. L’OLIMPICO di ROMA, in prospettiva va destinato all’atletica, al Rugby, a qualche finale calcistica di Coppa Italia o supercoppa, ma per il calcio a Roma c’è lo stadio FLAMINIO di Nervi, architettonicamente similare a quello di Firenze. Basta dunque sintonizzare i due progetti di ristrutturazione tra Roma e Firenze per due stadi storici eccezionali. Certo Roma è città più grande di Firenze, quindi il FLAMINIO, se ristrutturato così com’è attualmente arriverebbe a 27.000-29.000 posti. Allora… l’abile PRESIDENTE della SS LAZIO, LOTITO, che sembra lo vorrebbe in concessione a lungo, ne vuole un ampliamento. Si potrebbero prevedere così delle gradinate sopraelevate sulle due attuali curve , in struttura prefabbricata leggera, come sono architettonicamente concepite oggi, così da coprire quelle esistenti. Poi posizionare gli sky-box leggeri sopra i distinti centrali, opposti alla tribuna coperta già esistente. Si arriverebbe così a 40.000-50.000 posti. L’esperimento tecnico, venne compiuto già qualche anno fa col Rugby, durante il torneo delle 5 nazioni. Se non si vuole adottare la soluzione degli sky-box a copertura della gradinata-distinti centrali, basta procedere di pari passo con Firenze, e la ristrutturazione dello stadio “ARTEMIO FRANCHI” al Campo di Marte. Ma per favore non facciamo demolizioni assurde per nuovi, anonimi stadi.

Distinti Saluti

 

Adalberto Andreani

Rieti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply