domenica, 28 Novembre, 2021

Scrive Rino Capezzuoli:
La sinistra deve risolvere il problema del centro

0

Che l’aria era cambiata lo si era capito da un pezzo anche se nessuno si pronunciava, la vittoria del centrosinistra è stata netta fin dal primo turno ed ora ci saranno i ballottaggi a Roma a Torino a Trieste ma le cose sembrano messe bene .In Calabria ha vinto il candidato Berlusconiano. La tendenza dice crollo della lega pareggio della Meloni crollo dei 5 stelle nei centri minori e dove non si sono apparentati con il Pd. Il vincitore di queste elezioni è Enrico Letta, eletto nel collegio di Siena, ed il Pd. Ha vinto la politica di Letta coalizioni larghe ed inclusione. Basta con le scissioni a sinistra le indicazioni degli elettori di questa parte sono chiare . C,è un altro vincitore ed è Carlo Calenda che a Roma è stato il primo partito giungendo terzo davanti alla sindaca uscente Raggi dei 5 stelle
Quindi destre ridimensionate ed in lotta tra loro ma incapaci di proporre un gruppo dirigente all’altezza di governare Sinistre e 5 stelle in rimonta ovunque.
Bologna e Napoli vittoria al primo turno e nuovi laboratori politici per il futuro con coalizioni larghe oltre pd e 5 stelle
Quindi tutto fatto ? No perché c’è da sciogliere il nodo del centro della politica italiana .Italia viva, Calenda,Berlusconi, coraggio italia ed ora anche una parte della lega e la destra moderata guarderanno al centro politico cercando di sfruttare al massimo questo serbatoio di voti che io chiamerò di ex democristiani per comodità e che richiamandosi al centro tutti quanti , forse troppi, sono una mina vacante per la politica italiana. Certo le divisioni sono molte in quest’area e le radici le più diverse che non sarà facile tenere insieme. Queste elezioni mettono la sinistra in vantaggio con una base di partenza ottima visto la presenza politica sui territori del pd ,anche se c.è da recuperare quell’elettorato deluso che ha disertato le urne e che disorientato dalla politica fatta dai click chiede di tornare ad un rapporto con i problemi reali e le necessità dei cittadini e delle comunità locali.Letta uscito rafforzato da queste elezioni sembra in grado di orientare e guidare verso la soluzione di questo problema specialmente se adesso metterà mano ad un programma che dia una visione del paese in sintonia con quanto sta avvenendo in Europa (vedi vittoria SPD in Germania) e attuazione del PNNR che ridia slancio e fiducia al paese in un Europa sempre più unita che ormai ha emarginato i supremisti e quasi messo a tacere gli antieuropeisti. Ed i socialisti ? dove si sono presentati dimostrano una buona ripartenza certo di strada c’è da recuperarne di molta e quando si insegue è sempre più difficile specialmente se in molti cercheranno di appropriarsi contenuti storicamente socialisti come il riformismo di cui tutti si riempiono la bocca a sproposito ma poi non lo praticano nell’attualità.

 

Rino Capezzuoli (Chianti–Firenze)

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply