giovedì, 23 Settembre, 2021

Settembre politico 2020

0

Prima di tutto abituiamoci a dire correttamente il provvedimento che tutti dicono “più ricco del piano Marshall” e chiamano Recovery Fund. Si chiama invece Next Generatio Europa. Significa che l’uso che saremo autorizzati a farne sarà non sarà per noi se non nel senso che il nostro progetto deve essere in funzione non nostro e neppure dei nostri figli, ma di chi non c’è ancora (next, non new generation). Ci vuole lo sguardo lungo.

 

Chiaro che non si dovranno impiegare per benefici a pioggia e nemmeno per agevolazioni fiscoli e tagli di tasse, ma di nuovi obiettivi (il governo li ha nominati: scuola, ambiente, salute, comunicazione) collegati a una valutazione di sistema, per rifare i contesti (ambiente vuol dire la rete idrica e le frane. Idem il resto). E il dossier/studio da consegnare all’Europa dovrà essere chiaro nell’impostazione.

 

 Altrimenti sarà spreco. Invece dovrà crescere il Pil (e ridursi il debito). Perché con la pandemia siamo dentro la più grande recessione che si ricordi.

 

Il generale Zanfarana che governa la Guardia di Finanza lancia l’allarme Recovery Fund/mafie, tenendo conto della prospettiva “appalti”, “Grandi opere” e capacità di nuove trappole pensate dai mafiosi

 

Il referendum: la gente è andata a votare, a Bologna, dove non c’erano amministrative, il 58%. Non si sa perché debba sempre capire a sue spese. Se ci deciderà per il proporzionale, con l’abbassamento della soglia di sbarramento (forse?) sarà impossibile governare essendo meno i deputati, di più i gruppi e sempre necessario il passaggio all’altra Camera. Torneranno le elezioni anticipate.

 

Le elezioni regionali: si sono votati alcuni personaggi, non i partiti (il voto disgiunto l’ha confermato, ma non c’era bisogno). Sembra ovvio finire con il sistema presidenziale.

 

La qualità del popolo: dopo i precedenti voti a sinistra dei centri storici delle città e a destra delle periferie, si conferma con il referendum: hanno votato NO i borghesi, populista gli operai.

 

La colpa del PD (ex Pci, Pds): avere abbandonato i territori (cfr. Salvini ubiquo) e si arriva a mercanteggiare la Costituzione per “salvare un governo in cui – si spera – non crede, ma che “piace” (?) alla gente. Nemmeno spiegare che meno parlamentari significa scelta delle candidature più dipendenti dal partito. Meno parlamentari + risparmio? No, per candidarsi nemmeno la quota del tesseramento, occorrono gli sponsor: il potere delle lobbies, non controllato a termini di legge.

 

Sono passati più di 30 anni dal 1989: in Russia c’è “questo” Putin; Rossanda aveva detto che i terroristi italiani agivano per principi comunisto/sovietici. Giovani molto carini vendono ancora Lotta Comunista.

 

Il mondo è cambiato. Trump. Johnson. Intesa tra Israele e Arabi Sunniti (contro l’Iran). Erdogan fa prospezioni a Cipro (petrolio e gas) e la Francia manda una nave da guerra. Da pacifista: e noi? Quando vedo all’estero il nostro ministro De Maio provo vergogna.

 

Immigrati: bene Ursula von der Leyen, ma sarà dura. Il Pd sopporta (fino a quando?) la legge “sicurezza”. Danielle Frederique Madam, camerunese venuta in Italia a sette anni, oggi ne ha 23, è campione di lancio/pesi: ha 23 anni, non può andare ai campionati all’estero perché secondo la legge avrà un passaporto a 30 anni!

Un titolo: “il lavoro nobilita ancora?”con il punto interrogativo!

 

 Lo smart working e i grattacieli vuoti: i lavoratori a distanza senza regole di lavoro, le imprese risparmiano (si dice) 10.000 euro annui per ogni lavoratore da casa. I grandi grattacieli di uffici di MIlano li diamo agli immigrati?

 

Contro il populismo la competenza – la prima necessità politica – rischia di perdere.

 

 Università di Perugia: concessa sui due piedi la certificazione di conoscenza dell’italiano al calciatore e una docente (intercettazione) si dice juventina: “questo porta la Juve ai champions, guadagna dieci milioni” come giustificazione e il rettore intervistato fa il pesce in barile. Questo è familismo, amicismo italico. Probabilmente anche il card. Becciu che fornisce gli appalti a suo fratello segue gli stessi impulsi tradizionali in Italia….

 

Tridico: direttore INPS, voluto da M5S con Conte1: aumento dello stipendio da 100.00 a 150.000. A parte il risparmio a senso unico (e il parlamentare?), ma finisce che va tutto bene (è una scelta del solito De Maio).

 

 Bonafede sarebbe ministro della Giustizia. Non risponde sulla libertà concessa a decine di mafiosi e non interviene a condannare i pestaggi di detenuti a Santa Maria Capua Vetere.

 

 L’INPS per informare a domicilio (uste gialle) della consistenza delle future pensioni ha recuperato la spesa a danno dei capitoli: Manutenzione e noleggio impianti, macchine, apparecchiature sanitarie, mobilia e attrezzi e altri beni mobili e spese postali, telefoniche e telegrafiche degli uffici, canoni telefonici per le sedi periferiche

 Le donne che resistono in Bielorussia con Lukascenko

 

San Francisco immersa nella luce rossa degli incendi. Ogni anno sempre prima e sempre più grandi le conseguenze del clima.

 

Per le nostalgie: davvero il secolo scorso è davvero scorso: scomparsa Juliette Greco.

 

Per ridere: “dice” che la cannabis fa bene contro il virus.

 

 Ma seriamente, a fine settembre anche Mattarella invita a ricordare che iniziava il martirio di Marzabotto.

 

 La pandemia. Il virus insegna: le questioni fondamentali del presente/futuro sono “il clima”, i contagi, le migrazioni non conoscono i confini.

 

per chiudere:  Un mio convincimento: i movimenti di massa erano partiti appropriandosi (semplicisticamente) di nobili principi, ma non sanno farne nobile politica. E se tornassimo ai partiti? tanto M5S ha incominciato a imitare la DC. La prova? Di Maio ha “occupato” con i suoi uomini di fiducia Tg1, Inps, Eni, Enel, Leonardo, Banche, Enav, Anas, Agcom… il Parlamento? “una scatoletta di tonno” (e non solo). Ha perfino erogata un mld per la TAV. E Beppe Grillo “Parlamento? non ci credo più”: beh, finalmente come dice l’Espresso i grillini “hanno fatto una cosa di sinistra: perdono”.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply